82 tartarughe Caretta nascono a Selinunte, sotto la protezione degli dei.

Mamma tartaruga, arrivando dal mare la notte del 3 luglio, depositò 95 uova sull’arenile dell’area sacra, proprio davanti all’acropoli di Selinunte, affidando alla comunità il suo carico più prezioso, la propria continuità che sarebbe stata garantita dalla nascita delle sue piccole creature.

I volontari del WWF Sicilia, titolare del progetto tartarughe approvato dal Ministero dell’Ambiente e del progetto europeo Euroturtles, le hanno messe in sicuro, grazie anche al prezioso aiuto degli operatori della riserva naturale Grotta di Santa Ninfa di Legambiente, sotto la vigilanza della Guardia Costiera di Mazara del Vallo e della Ripartizione Faunistica di Trapani. 

Scorri in basso per continuare a leggere

Di grande aiuto sono stati anche i bagnanti che hanno vigilato e informato i volontari del WWF di tutte le anomalie riscontrate.

Fino alla notte fra il 25 e 26 agosto, quando si schiusero le uova e al mattino fu trovato, davanti al nido recintato, un tappeto di tracce di zampette che le tartarughine emerse da sotto la sabbia avevano lasciato nella loro corsa verso il mare e la vita.

La bellezza che la natura esprime quando la incontriamo ci risarcisce di tutti gli sforzi e sacrifici che noi volontari facciamo.Siamo convinti – dice il Wwf Sicilia – che il periodo particolarmente delicato che il nostro pianeta sta vivendo ha sempre più bisogno di energie positive spingendoci tutti ad assumere consapevolezza di quanto bella sia la vita ogni qualvolta la incontriamo.”

Precedente Biancomangiare, la ricetta originale della versione siciliana alle mandorle. Successivo Crostata di fichi freschi e mandorle - La vera ricetta siciliana.