A 52 anni dal sisma del Belice la ricostruzione è ancora incompiuta. Al via oggi le celebrazioni in memoria delle vittime.

loading…

52 anni dopo, il terremoto del Belice è una ferita ancora aperta e la ricostruzione incompleta. I comuni della Valle del Belice ricordano il 52esimo anniversario del tremendo sisma che nella notte fra il 14 e il 15 gennaio 1968 rase al suolo i paesi della valle.

“Anche quest’anno i 21 comuni della Valle si apprestano a ricordare per il 52esimo anniversario il terremoto che la notte fra il 14 e il 15 gennaio 1968 sconvolse il Belice. Una ricorrenza che quest’anno cade nel pieno di una rivendicazione che ci ha portato negli ultimi mesi a Roma per interloquire con il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti Giancarlo Cancelleri al fine di trovare una soluzione definitiva al completamento della ricostruzione. Abbiamo esposto per l’ennesima volta le tematiche più urgenti da affrontare in materia di opere di urbanizzazione primaria e di edilizia privata ricevendo rassicurazioni dal viceministro, d’intesa con la titolare del dicastero Paola De Micheli”. A dichiararlo è il sindaco di Partanna (Tp) Nicolò Catania, in occasione del 52simo anniversario del sisma del Belice. “L’auspicio – aggiunge – adesso è vedere finalmente riconosciute le nostre giuste rivendicazioni. Richieste che in questo momento non possono prescindere anche dall’attenzione verso una struttura fondamentale per il Belice come l’ospedale Valle del Belice ‘Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano. Per la tutela dell’ospedale siamo pronti a scendere nelle piazze insieme con le nostre popolazioni a tutela di un diritto alla salute che non può essere calpestato impunemente”.
Per ricordare il sisma i comuni della Valle del Belice hanno elaborato un calendario di eventi.

Il 14 a Montevago, alle 19, è prevista una fiaccolata in memoria delle vittime del sisma. Il 15 gennaio alle 11 si terrà invece una celebrazione eucaristica al cimitero comunale. 15 gennaio. A Menfi dalle 10,30 sarà visitabile l’installazione storica «Le prime tende, i primi alloggi» sui primi soccorsi arrivati in aiuto delle popolazioni in via Vittorio Emanuele III. Sempre alla stessa ora a palazzo Pignatelli si inaugura la mostra fotografica «I giorni del terremoto» visitabile fino al 20 gennaio. Infine alle 17 al Palazzo comunale sarà proiettato il vide documentario di U. Lucia e G. Mistretta «Menfi 1968 – dalle macerie al futuro».

A Salaparuta alle 10,30 nella Chiesa di Santa Caterina si terrà una celebrazione eucaristica alla quale seguirà la proiezione di un filmato sul sisma del ’68. Il 20 gennaio alle 10,30 nell’Aula Consiliare è prevista la tavola rotonda con le autorità istituzionali «Belice 1968: dal ricordo della tragedia allo sviluppo». Infine il 24 gennaio alle 9 sarà inaugurata una mostra fotografica sul terremoto alla quale seguirà la manifestazione dedicata ai bambini e con la presenza del vigili del fuoco «Pompieropoli». A Roccamena alle 10,30 presso l’Auditorium della Scuola media statale «E. Fermi» per la giornata intitolata «Raccontare la storia – trasferire la memoria» sarà proiettato il documentario «Belice 1968/Terre in moto 2008» per la regia di Salvo Cuccia e Antonio Bellia. A Gibellina alle 15 è prevista una celebrazione eucaristica al cimitero comunale in ricordo delle vittime del terremoto mentre alle 17 al Baglio Di Stefano, sede della Fondazione Orestiadi, si terrà la presentazione dei quaderni «Gibellina tra memoria e futuro», dei racconti di Carlo La Monica e delle poesie di Salvatore Capo «Lu mastru e la putìa» e infine «50 anni dal terremoto del Belice – vicende e visioni», lettura di testi composti da Francesca Corrao, Mario Cucinella ed Enzo Fiammetta a cura della Fondazione Orestiadi.

Nella giornata del 19 gennaio alle 18 presso la Sala Agorà – Leonardo Sciascia invece sarà proiettato il documentario di Dario Indelicato «Elogio alle memorie – Ri-Scossa» e alle 19 il concerto «Island tales group» a cura di Musica e suoni del Mediterraneo.

A Santa Margherita di Belice, il 15 gennaio, alle 17 a Palazzo Filangeri- Cutò sarà inaugurata la mostra fotografica «Il profumo dei fichi selvatici dai ruderi delle case» di Rosario Sanguedolce. A Santa Ninfa alle 18 si terrà una celebrazione eucaristica in Chiesa madre e alle 19 è in programma una seduta speciale del Consiglio comunale dedicata alla commemorazione del tragico evento. Il 17 a Partanna alle 10,30 presso l’Auditorium «Giacomo Leggio» sarà proiettato il documentario «Belice 1968/Terre in moto 2008» e alle 18 si celebrerà una messa in suffragio delle vittime del sisma nella Chiesa Madre.

Precedente Bere acqua calda: i benefici di un segreto millenario dimenticato. Successivo “Nun viu l’ura”, l’ultimo brano dei Calandra&Calandra che celebra l’amore eterno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.