A Catania aprirà la succursale del Museo Egizio di Torino.

All’interno dell’ex monastero dei Padri Crociferi di Catania, a breve aprirà la “succursale” del museo Egizio di Torino.

L’assessora alla Cultura del comune di Catania, Barbara Mirabella – ha dichiarato: “Il Comune è ormai pronto, tutti gli accorgimenti richiesti sono stati portati a termine e si attende soltanto la visita della sovrintendenza torinese per avere il via libera definitivo al trasferimento dei reperti. Ritengo che appena la delegazione arriverà a Catania, dando il via il via libera, noi avvieremo l’ultima fase dell’iter per gli allestimenti“.

In un’altra ala del monastero, sullo stesso piano della collezione egizia, saranno esposte anche le collezioni nascoste del castello Ursino. Il progetto prevede che i due musei siano strettamente legati, aprendo contemporaneamente e condividendo un’unica biglietteria, ma prevedendo diverse opzioni per il pubblico che sarà libero di decidere se acquistare il biglietto d’ingresso per una sola delle mostre o per entrambe a un prezzo più vantaggioso.

L’inaugurazione dovrebbe avvenire nel 2020, promessa alla quale non sappiamo se affidarci, dati i numerosi rinvii che hanno portato ad allungare ancora i tempi. Si parlava di un’apertura del museo Egizio già nel 2018, ma, forse, la stessa intenzione di creare un dialogo tra il museo egizio e l’esposizione delle opere del castello Ursino, unita a problemi burocratici, ha portato a questi ingenti ritardi.

Precedente Castellammare del Golfo, il pittoresco borgo marinaro, tra storia e panorami mozzafiato. Successivo Storia e ricetta della CUCCIA. La tradizione sicula che ricorda il miracolo di Santa Lucia.