Crea sito

Alessandro Nastasi, Astronomo Informatico, protagonista di un progetto nel Parco delle Madonie



Alessandro Nastasi, un giovanissimo  Astronomo informatico di origine di Castelvetrano, del Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche GAL Hassin di Isnello (PA), ha relazionato il 2 marzo 2019 alla libera università “Tito Marrone” di Trapani su: “Il cielo delle Madonie come risorsa contro il rischio meteoriti: i nuovi telescopi GAL Hassin e ESA”.

Su gentile invito del presidente della libera università “Tito Marrone” di Trapani, Prof. Antonino Tobia, ho presentato al pubblico le nuove strutture che stanno per nascere, o sono già in uso, per la didattica e la ricerca scientifica astronomica all’interno del Parco delle Madonie. In particolare, si è discusso del rischio meteoriti, e dell’importante ruolo che il Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche GAL Hassin può rivestire all’interno della rete globale di monitoraggio asteroidi “Near-Earth” (NEAs).

Gli strumenti con cui il GAL Hassin opererà nel controllo di questi oggetti saranno il telescopio robotizzato da 40 cm “Galhassin Robotic Telescope” (GRT), già installato e operativo nella terrazza osservativa del centro, e il futuro telescopio a grande campo da 1 metro “Widefield Mufara Telescope” (WMT), attualmente in costruzione su Monte Mufara (1865 m) e che sarà operativo entro fine anno.

L’intera area delle Madonie è destinata inoltre a rappresentare un polo di eccellenza internazionale per la ricerca e monitoraggio NEAs grazie anche al futuro telescopio “Fly-eye”, che l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) andrà ad installare a poca distanza dal WMT, sul monte Mufara, entro il 2021“.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: