Archeologia: tornerà alla luce l’antichissimo porto di Selinunte.

Al via una nuova campagna di scavi a Selinunte, il più grande Parco archeologico d’Europa, per portare alla luce i resti dell’antico porto della città greca che nel suo momento di massimo splendore arrivò ad avere fino a 100 mila abitanti. Gli scavi, saranno curati dall’Istituto Archeologico Germanico di Roma, dall’Università di Bonn e da quella di di Bochum in stretta collaborazione con il Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, è diretta dal professor Jon Albers ed ha lo scopo di indagare l’estensione dell’antico bacino portuale nella valle del Gorgo Cotone, tra la collina di Manuzza e la collina orientale. L’obiettivo principale è quello di individuare i limiti perimetrali dell’antico porto, datarne le strutture e definire la relazione tra lo scalo e l’impianto urbanistico.
L’iniziativa sarà presentata oggi, venerdì 23 agosto, alle ore 18, e segna una nuova tappa del progetto “I Cantieri della conoscenza” voluto dal neo direttore del Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, l’architetto Bernardo Agrò. Una formula, quella dei “cantieri aperti” che ha l’obiettivo di coinvolgere i visitatori nelle campagne in corso favorendo così una “archeologia partecipata”. “Le attività di ricerca del Parco – sottolinea Agrò – sono portate alla conoscenza attraverso la realizzazione di allestimenti museali a cantiere aperto, che costituiscono un valore aggiunto nella offerta culturale per i visitatori con rinnovati e sempre inediti percorsi. Ci auguriamo adesso – conclude Agrò – che il prosieguo delle indagini possa contribuire ulteriormente alla conoscenza di una delle più importanti colonie greche d’Occidente disegnando una nuova museografia con rinnovati percorsi all’interno del Parco”.

Precedente PEPPINO, il Re delle caramelle carruba, nel cuore del centro storico trapanese. Successivo Arrestato ghanese di 19 anni, «Ha violentato una donna alla stazione di Sferracavallo».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.