“AURIGA” L’industria trapanese del tonno che ha conquistato i mercati mondiali.

La storia del tonno Auriga inizia in Sicilia nel 1933 ad opera di Nino Castiglione in un piccolo stabilimento sul porto di Trapani. Presto l’attività si sposta in un’antica tonnara affacciata sul mare. Siamo nell’epoca in cui numerose sono le tonnare nel territorio e la pesca e la lavorazione del tonno fanno già parte della cultura del luogo: i tonnaroti, maestranze locali cresciute pescando il tonno rosso del Mediterraneo, calano le reti secondo sistemi complessi ma ecocompatibili, criteri che salvaguardano i pesci di piccola taglia e riducono la pesca accidentale di altre specie. È qui che la famiglia Castiglione, grazie alla sapienza della tradizione e alla passione per il mare, inizia a lavorare il tonno. La grande professionalità e una dedizione instancabile fanno crescere costantemente l’attività: alla sede storica, recuperata lasciando invariato l’impianto originale, si aggiungono nuovi magazzini e stabilimenti, moderne celle frigorifere, impianti produttivi e linee di confezionamento all’avanguardia, sofisticati laboratori per il controllo qualità. Oggi quell’antica tonnara è diventata una realtà accreditata nel mondo, capace di coniugare modernità e tradizione, passione e tecnologia, dove si opera a livello industriale ma secondo i principi di un tempo, nel rispetto del mare e della tradizione della pesca.

loading…

Il processo produttivo

Il ciclo di lavorazione si svolge interamente in Italia e inizia con il sezionamento del tonno nelle varie parti destinate all’inscatolamento. 

Il tonno viene quindi eviscerato, lavato accuratamente per chiarificare la fibra muscolare e cotto rigorosamente a vapore, così da mantenere le caratteristiche organolettiche del prodotto. Quindi viene condizionato a temperatura costante, in modo che le fibre si rassodino e la pulizia possa avvenire più accuratamente. Qui ha inizio la fase più importante e quella di cui andiamo più orgogliosi: la monda.
La pulitura del pesce è infatti eseguita ancora secondo l’antica tradizione, totalmente a mano dalle mani esperte di maestranze locali. A questa fase seguono l’immersione in olio d’oliva di qualità, l’inscatolamento e la chiusura con l’applicazione del sottovuoto e la sterilizzazione.
Al termine di un adeguato periodo di stagionatura, indispensabile per raggiungere l’optimum delle caratteristiche organolettiche, il prodotto viene confezionato e trasferito nel magazzino di stoccaggio, da dove ogni giorno parte per raggiungere le tavole degli italiani.

Alleato del benessere

Il tonno in scatola è un alimento completo che dà un apporto di proteine dall’alto valore biologico che garantiscono tono ed efficienza muscolare.

Fornisce acidi grassi polinsaturi della serie omega 3, che aiutano il nostro sistema cardiovascolare riducendo il colesterolo totale e aumentando il colesterolo buono (HDL-Colesterolo).

E’ fonte di iodio, che aiuta la sintesi degli ormoni tiroidei garantendo un buon funzionamento della ghiandola che regola il metabolismo e la crescita dei bambini.

Contiene vitamine del gruppo B, che aiutano le funzioni del sistema nervoso, mentre il fosforo è un costituente di tutte le membrane cellulari e il calcio permette lo sviluppo del nostro tessuto scheletrico.

http://www.tonnoauriga.it/

Precedente “Fardella sotto le stelle", un viaggio tra scienza e arte per promuovere gli studi di indirizzo scientifico. Successivo Crostata morbida con crema al limone e frutta di stagione. RICETTA.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.