Carciofi “ammuddicati” alla siciliana, RICETTA.

Ci sono tantissime versioni di carciofi ripieni, tra le più comuni ci sono quelle che prevedono il macinato di carne o la salsa di pomodoro.

I carciofi ripieni alla sicilianasono una versione semplicissima: il ripieno prevede infatti esclusivamente il pangrattato, insaporito con il grana padano, il prezzemolo e il pepe. La nota siciliana è data dalla presenza dei capperi e delle acciughe, che rimandano subito ai sapori della Sicilia. E’ possibile comunque ometterli, sia per chi non li ama particolarmente sia per chi magari vuole un secondo piatto adatto ai vegetariani.

Ingredienti

  • 4 carciofi
  • 200 g di pangrattato
  • 50 g di grana padano
  • 4 acciughe
  • 2 cucchiai di capperi
  • q.b di sale
  • q.b di prezzemolo
  • q.b di pepe
  • q.b di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Per iniziare la preparazione dei carciofi ripieni alla siciliana pulite innanzitutto i carciofi, tagliandone il gambo e sciacquandoli bene sotto l’acqua corrente. Sciacquate anche i capperi, quindi passare alla pulizia delle acciughe, lavandole sotto l’acqua corrente. Togliete poi le lische centrali e riducete i due filetti ottenuti in piccoli pezzetti.

Condite il pangrattato con una manciata di prezzemolo tritato, il grana padano grattugiato, un pizzico di sale e una spolverata di pepe. Mescolate bene e aggiungete anche i capperi e le acciughe. A questo punto bisogna irrorare il pangrattato con dell’olio extravergine d’oliva, fin quando la consistenza risulterà piuttosto umida.

Prendete un carciofo alla volta, aprite man mano le foglie con le mani e cominciate a riempire tutti gli spazi con il pangrattato. Mettete poi sul fondo di una pentola un pizzico di sale, un pò di acqua e qualche giro di olio d’oliva. Disponete i carciofi all’interno della pentola in modo tale che stiano molto stretti tra loro, per non rischiare che gli stessi si capovolgano. Quindi, aggiungete altra acqua senza toccare i carciofi, raggiungendo circa la loro metà. Infine, irrorate la supercifie con un filo d’olio extravergine d’oliva e fate cuocere per circa un’ora a fiamma bassa. Trascorso il tempo necessario, per controllare la cottura dei carciofi basterà staccarne una foglia: se viene via facilmente il carciofo è pronto.

Precedente "A San Martinu ogni mustu addiventa vinu, sammazza lu porcu e si sazza lu vinu". Successivo Mufuletti di SAN Martino, storia e ricetta tradizionale trapanese.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.