Continua la protesta contro la situazione dei voli a Birgi. #SeVotoVolo

Continua l’azione di protesta del comitato #SeVotoVolo di Trapani contro la situazione dei voli dell’aeroporto di Birgi “Vincenzo Florio”.

Gli operatori turistici della provincia di Trapani vivono una situazione di crisi sempre più critica. Il flusso di voli è in continuo calo e nessuna soluzione sembra paventarsi all’orizzonte. Il comitato di protesta ha iniziato a raccogliere le firme per una petizione. Inoltre, per sostenere le spese di propaganda, hanno creato una raccolta fondi nella piattaforma online gofundme, raccogliendo in poche ore più di mille euro.

Questo quanto dichiarano:


“L’aeroporto per noi abitanti è un importante mezzo, non solo di crescita e sviluppo economico, ma anche di collegamenti di prima necessità.
Essendo consapevoli che tutto ciò è anche garanzia per il futuro delle prossime generazioni, oggi siamo decisi nell’astenerci da qualsiasi voto futuro, disertando le cabine elettorali, se non solo dopo aver garantita la certa ed imminente ripresa della programmazione di un aeroporto pubblico, che sino ad oggi è stato anche pagato e sovvenzionato con il denaro degli stessi cittadini.
I cittadini della provincia di Trapani, Crotone e Taranto.”

Sono le tre città in cui gli scali aeroportuali rischiano la completa chiusura. Eliminare del tutto l’aeroporto, sarebbe una catastrofe per migliaia di operatori del settore, il tracollo dell’economia di tutto il territorio. Le soluzioni finora prospettate non hanno avuto alcun seguito, anzi la proposta, di fusione tra gli aeroporti di Trapani e palermo, è stata del tutto bocciata dal Sindaco di Palermo.

Nelle prossime settimane il comitato terra ulteriori tavoli tecnici per stabilire come poter agire nel breve periodo. 

Precedente “Non ti scordar di me”. In ricordo della strage mafiosa di Pizzolungo del 2 aprile 1985 Successivo Siracusa, Marzamemi e Portopalo...racconto fotografico di un turista.