Custonaci: la nazionale italiana di mountain bike prepara le Olimpiadi

Nazionale italiana Mountain bike

La nazionale italiana di Mountain Bike

La nazionale italiana di cross country ha scelto la Sicilia e Custonaci per la preparazione in vista delle olimpiadi di Londra di questa estate.

Da martedì 10 gennaio fino a venerdì 27 gennaio i ragazzi e le ragazze della nazionale azzurra di mountain bike, diretti dal commissario tecnico Hubert Pallhuber, sono a Custonaci (alloggiati presso l’Hotel Poma), per uno stage di allenamento finalizzato alla ripresa dell’attività in bicicletta.

Dieci gli atleti che fanno parte della spedizione: otto uomini (con le punte della squadra Marco Aurelio Fontana, fresco del secondo posto ottenuto ai campionati italiani di ciclo cross, e Gerhard Kerschbaumer, affiancati dall’esperto Martino Fruet e da Michele Casagrande, Carlo Umberto Corti, Tony Longo, Andrea Tiberi e Nicholas Pettinà) e due donne (Serena Calvetti e Anna Oberparleitner, ragazze giovanissime che rappresentano il futuro della squadra).

“Il raduno fatto a fine dicembre in Val Gardena, in Alto Adige, è servito soprattutto per permettere ai ragazzi di fare gruppo attraverso attività alternative sulla neve come lo sci alpinismo e o sci da fondo” spiega il CT Pallhuber.

“E’ stata un’iniziativa sicuramente molto utile. Qui in Sicilia invece inizieremo a lavorare più seriamente riprendendo l’attività in bicicletta. Siamo già stati qui anche lo scorso anno, abbiamo scelto questa località perché il clima è molto favorevole, oggi per esempio c’era una temperatura di circa quindici-diciassette gradi, l’ideale per pedalare e i ragazzi hanno subito fatto un centinaio di chilometri in agilità. Il programma prevede, in linea di massima, a rotazione tre giorni di carico e uno di scarico. I ragazzi utilizzeranno principalmente le bici da strada per immagazzinare nelle gambe chilometri importanti ma faranno anche dei lavori di tecnica in mountain bike e delle sessioni di lavoro in palestra. Qui i percorsi a disposizione sono vari e molto belli e ci permettono di diversificare l’attività in base alle esigenze.”

Condividi l'articolo:
  • Stampa questo articolo!
  • Converti articolo in PDF!
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • OKNotizie
  • Segnalo
  • del.icio.us
  • Diggita
  • Upnews
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Invia questo articolo ad un amico!

Inserisci il tuo commento

Devi essere collegato per inserire un commento.