I CACHI, tutto quello che c’é da sapere sul piú dolce frutto d’autunno.

La coltivazione dei cachi in Italia risale ai primi del 900 e vengono coltivati soprattutto in Campania, Romagna, Veneto e Sicilia e quelli più pregiati sono proprio i siciliani. Il frutto si presenta di colore arancione acceso ed ha una polpa morbida cremosae molto dolce. La varietà invece cachi vaniglia ha una polpa più compatta e ricorda vagamente la mela. I cachi sono composti dall’ 80 % di  acqua,  12% da zuccheri e  3,6 % da  fibre. Sono anche molto ricchi di  minerali come calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio. Presente anche in grande quantità la vitamina A B C E. Essendo un frutto zuccherino sono sconsigliati a chi è obeso e a chi soffre di diabete mentre sono perfetti per i bambini, gli sportivi, gli astenici, poiché hanno straordinarie capacità energizzanti, dovute principalmente proprio agli zuccheri che contengono. Vediamo quindi i 4 principali beneficidi questi preziosi frutti. I cachi migliorano l’invecchiamento cellulare, migliorano le infiammazioni e sostengono il sistema immunitario. Contengono composti antiossidanti come flavonoidi e polifeoidi. Tra questi c’è l’ acido betulinico antitumorale e la vitamica c che aiuta ad aumentare la resistenza dell’organismo contro gli attacchi degli agenti virali. In più aiuta a  constrastare i radicali liberi grazie alle catechine sostanze note per i loro effetti antiinfiammatori. Migliorano l’attività intestinale grazie alle fibre presenti in questi frutti. Quindi i cachi hanno sia proprietà lassative sia proprietà diuretiche.  Migliorano le gastriti quindi anche chi soffre di questa patologia può consumare i cachi poichè ammorbidiscono gli effetti dei succhi gastrici. Regalano giovinezza alla pelle grazie al licopene una sostanza presente nei cachi e grazie alla vitamica C che aiuta la pelle a rimanere elastica e tonica. Questi frutti oltre ad essere consumati a tavola possono anche essere utilizzati per fare delle maschere di bellezza sane e naturali. Basterà cospargere la polpa matura di un caco sul viso e lasciarla in posa 20 minuti poi sciacquare con acqua tiepida.

Precedente Frutta Martorana: i dolcetti che i morti portano ai bambini siciliani. Successivo Il gelsomino, una pianta preziosa che ama la Sicilia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.