Il Castello Arabo Normanno simbolo di Castellammare del Golfo, oggi è un importante museo.

Castello Arabo Normanno a Castellammare del Golfo, è una costruzione fortificata dagli Arabi intorno al X secolo. Sorge a pochi passi dal mare, all’interno del porto, cuore pulsante del paese.

Castello Arabo Normanno è il simbolo di Castellammare del Golfo, domina il porto turistico, oggi è un importante museo e polo culturale

Insignita del titolo di “città” dal Presidente della Repubblica Mattarella, Castellammare del Golfo mostra l’animo più profondo, con il suo splendido Castello Arabo Normanno.

Svestite le funzioni di fortezza, è stato totalmente restaurato, divenendo bene e patrimonio della collettività. ( ph Giulio Buccellato ).

Oggi ospita “La memoria del Mediterraneo” ed il Museo etno-antropologico “Annalisa Buccellato“, una serie di collezioni museali, che esprimono la storia e lo sviluppo del territorio.

Il polo museale è articolato in quattro sezioni:

  • Museo dell’acqua e dei mulini
  • Museo delle attività produttive
  • Museo archeologico
  • Museo delle attività Marinare

All’interno delle varie sale espositive, è possibile ammirare, oggetti d’uso quotidiano, un tempo maneggiati da piccoli artigiani o attrezzi agricoli per coltivare i campi.

Sono gli antichi mestieri, quali il calzolaio, il conciapiatti, dedito alla riparazione di ombrelli o oggetti in terra cotta, o il carradore, quest’ultimo aveva il compito di costruire i carretti.

Altri percorsi tematici sono legati al ciclo del pane, agli intrecci, alla lavorazione della vite e dei formaggi.

Piccoli manufatti ed anfore da trasporto, risalenti al periodo romano, sono prova evidente, del grande traffico che da sempre, ha accompagnato questi luoghi.

Particolare è un pozzo, simbolicamente custode delle immagini dei registi, che fin qui hanno scelto il paese, come location di spot e produzioni cinematografiche.

Recentemente il Castello Arabo Normanno, è stato arricchito da un percorso audio guidato, in italiano ed inglese, curato dalla Dott.sa Maria Lombardo.

Grazie a tale sistema, vengono fornite informazioni sulle varie esposizioni o su aspetti storici.

Il servizio, totalmente gratuito, è un importante strumento di supporto per i tanti visitatori che ogni anno transitano all’interno della costruzione.

Il percorso abbraccia la sala Nova, la parte più antica del castello, passando per il Monte Inici.

Inoltre, accompagna la fruizione dei numerosi reperti archeologici, legati alle attività marinare, quali la pesca del tonno o in tempi più recenti, correlate alla filmografia.

Da menzionare anche i tributi alla patria o alla patrona, Maria Santissima del Soccorso.

Il castello è anche sede di meeting, convegni e manifestazioni, punto d’incontro per le istituzioni, intellettuali ed appassionati.

Precedente Marsala, un drone riprende tutta la città dall’alto...immagini emozionanti. Successivo Vicino Panarea esiste un sistema idrotermale unico nel Mediterraneo. VIDEO.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.