In Sicilia fino a dicembre partono i “Treni storici del gusto”. Programma fermate e itinerari.

Fino all’8 dicembre, avrete modo di salire su treni storici e visitare l’isola con lentezza, scoprendone territori, borghi, castelli, luoghi dell’arte e dell’archeologia, parchi e riserve naturali.

I treni storici del gusto è un progetto realizzato dalla Regione Siciliana in collaborazione con la Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia. In totale quest’anno saranno 87 i comuni coinvolti come luoghi di partenza o tappe in vista degli itinerari, sei dei quali con la formula week-end per costruire percorsi tematici di scoperta della Sicilia.
I treni storici, partiti lo scorso aprile, stanno raggiungendo le località meno conosciute dell’isola.
L’ultima corsa è in programma l’8 dicembre da Palermo, sarà il “Il treno dello sfincione e della frutta d’inverno” farà sosta a Bagheria e Cefalù. Di seguito trovate tutti gli itinerari del 2019 a bordo di treni storici.

Programma e Itinerari 

14 e 15 settembre – Partenza da Palermo – Il treno dei prodotti nelle terre dei Nebrodi con tappe di sosta a Castel di Tusa, Castel di Lucio, Mistretta, Motta. d’Affermo, S. Stefano di Camastra, Capo D’Orlando

14 settembre – Partenza da Catania – Il treno del pistacchio di Bronte e frutta dell’Etna con tappe di sosta a Bronte e Acireale.

15 settembre – Partenza da Siracusa – Il treno della frutta etnea e delle conserve d’autunno con tappe di sosta a Militello in Val di Catania e Caltagirone.  

21 settembre – Partenza da Messina – Il treno del pistacchio verde di Bronte e frutta dell’Etna con tappe di sosta a Bronte e Savoca.

22 settembre – Partenza da Palermo – Il treno dei formaggi dell’agrigentino con tappe di sosta a Carini, Scopello e Riserva dello Zingaro

28 e 29 settembre – Partenza da Catania – Il treno dei formaggi dell’agrigentino con tappe di sosta ad Adrano, Castiglione di Sicilia, Etna, Aci Trezza e Acicastello.

29 settembre – Partenza da Enna – Il treno dei legumi delle aree interne con tappe di sosta a Calascibetta e Caltanissetta.

6 ottobre – Partenza da Palermo – Il treno delle verdure d’autunno nel Belìce e nell’agro segestano con tappe di sosta a Segesta, Cretto di Burri a Gibellina Vecchia e Castelvetrano.

13 ottobre – Partenza da Palermo – Il treno dei formaggi e legumi delle aree interne con tappe di sosta a Roccapalumba e Vicari

12 ottobre – Partenza da Siracusa – Il treno del pistacchio verde di Bronte e frutta etnea con tappe di sosta a Bronte e Randazzo.

20 ottobre – Partenza da Messina – Il treno degli agrumi e dolcezze tra Nebrodi e Madonie con tappe di sosta a Castroreale e Castelbuono.

27 ottobre – Partenza da Catania – Il treno delle dolcezze iblee di autunno con tappe di sosta a Scicli e Modica.

7 ottobre – Partenza da Siracusa – Il treno delle scacce iblee e del cioccolato modicano con tappe di sosta a Ragusa e Modica.

3 novembre – Partenza da Messina – Il treno dei prodotti etnei e iblei con tappe di sosta a Giardini Naxos e Noto.

3 novembre – Partenza da Palermo – Il treno della frutta d’autunno nel Val di Mazara con tappe di sosta a Segesta e Castellammare del Golfo.

10 novembre – Partenza da Caltanissetta – Il treno dei castelli e dei prodotti della terra con tappe di sosta a Caccamo e Collesano.

24 novembre – Partenza da Catania – Il treno delle conserve dello Ionio con tappe di sosta a Savoca e Messina.

8 dicembre – Partenza da Palermo  – Il treno dello sfincione e della frutta d’inverno con tappe di sosta a Bagheria e Cefalù. 

Come acquistare i biglietti

Basta rivolgersi al personale in biglietteria indicando la data esatta del viaggio, la stazione di partenza e di arrivo, le restanti informazioni richieste. 
Per agevolare l’operazione è consigliato specificare subito che si tratta di un viaggio in treno storico della Fondazione FS e che il treno si effettua solo nella data per cui si richiede il biglietto. in alternativa, potete collegarvi al sito web www.trenitalia.com e acquistare i biglietti comodamente da casa, senza la necessità di recarsi in stazione.

Precedente La leggenda del miracoloso sbarco del quadro di Maria SS. di Custonaci. GUARDA IL VIDEO Successivo Semplicità e tradizione, Zuppa di pane cotto alla siciliana.