La coppola, il copricapo diventato simbolo della storia della moda in Sicilia.

Se immaginiamo una giornata di agosto con un caldo torrido vicino a Trapani, Taormina o Palermo, su una delle spiagge più ambite? Da un lato lo splendido mare, e dall’altro il cuore arido che dona un sapore di storia e tradizioni. Sullo sfondo vediamo un contadino … e sopra la sua testa? Che domanda: una “coppola”. Questo tipico berretto piatto siciliano, ma anche calabrese e sardo, è il simbolo dell’Italia meridionale. Inizialmente popolare in Inghilterra nel XVIII secolo, a partire dalla metà del XIX secolo si diffuse tra le classi inferiori e all’inizio del XX secolo fu, in Italia, il copricapo di chi guidava un’auto, quindi i cacciatori e anche quelli che proseguirono cavallo. Il suo tessuto? La tipica “coppola” è in tweed, ma la puoi trovare anche in lana e, più raramente, in pelle o pelle scamosciata. In estate è possibile trovarlo in tessuti freschi come lino e cotone. Oggi il cappello “coppola” è diventato un accessorio di moda urban-chic per chi vuole mostrare la sua personalità in modo informale e informale. Vedere per credere!

Precedente Rubato il Bambinello della Parrocchia del Sacro Cuore di Trapani. Successivo Oggi Peppino avrebbe compiuto 72 anni. Alle 16.30 una diretta Facebook da Cinisi per ricordarlo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.