La Dieta Mediterranea, tutti i benefici riconosciuti dalla scienza.

Dieta Mediterranea: una piramide di salute

La dieta mediterranea è un vero e proprio uno stile alimentare. Alla base della piramide alimentare mediterranea ci sono i cereali che rappresentano una fonte abbondante di carboidrati complessi, quindi di energia senza grassi, e di fibra.

Piramide alimentare mediterranea

Alla base della piramide alimentare troviamo i diversi gruppi di frutta, gli ortaggi e le verdure, consigliate con un generico “in abbondanza”.

Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com
Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com

Contengono fibra e sostanze antiossidanti, al pari dell’olio d’oliva, da consumarsi giornalmente seppure con moderazione. Anche il latte e lo yogurt sono alimenti consumati almeno 1 volta al giorno.

Al centro della piramide alimentare ci sono gli alimenti da consumare non ogni giorno, ma certamente più volte alla settimana: sono quelli di origine animale, come pesce, carni bianche, formaggi (soprattutto quelli freschi).

Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com
Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com

Da assumere con più parsimonia sono invece le carni rosse e le uova. Tra gli alimenti molto importanti ci sono poi i legumi, che rappresentano un’ottima fonte di proteine vegetali.

Al vertice della piramide ci sono infine gli alimenti che vanno consumati con moderazione: gli zuccheri, vale a dire i dolci, le salse, i grassi animali (burro) e il vino.

Ricerche scientifiche

La dieta mediterranea, un modello nutrizionale ispirato agli stili alimentari tradizionali dei paesi che si affacciano sul Mare Mediterraneo. Scienziati della nutrizione di tutto il mondo l’hanno studiata e hanno stabilito come essa sia la dieta che garantisce in assoluto la miglior valenza salutistica.

Per dimostrare scientificamente il valore salutistico della dieta mediterranea venne intrapreso un esteso studio osservazionale, diventato poi famoso come  “studio dei sette paesi”, in cui vennero messe a confronto le diete adottate da sette paesi (Stati Uniti, Italia, Finlandia, Grecia, Yugoslavia, Paesi Bassi e Giappone) per verificarne benefici e punti critici in termini di salute cardiovascolare.

Lo stile alimentare individuato da tale studio, e da molte altre ricerche che l’hanno seguito, si basa sul consumo prevalente di alimenti di origine vegetale come cereali e derivati (pasta e pane integrali), legumi, frutta, verdura e olio extravergine di oliva; e su un consumo moderato di prodotti di origine animale come la carne, latticini e pesce.

I risultati di tale studio non lasciavano molti dubbi: più ci si scostava dagli schemi mediterranei, maggiore era l’incidenza di malattie cardiovascolari.

Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com
Fotografia di Luana Failla http://www.luanafailla.com

Nata in un’area per antiche tradizioni dedita alla coltura di vigneti, la dieta mediterranea consigli  anche un consumo quotidiano di vino in quantità moderate (un bicchiere per le donne, due per gli uomini).

Esistono ormai numerose evidenze scientifiche che testimoniano l’efficacia di questo modello nutrizionale non solo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari ma anche nella protezione da malattie come  cancro, obesità e diabete.

La dieta mediterranea rappresenta quindi un efficace punto di riferimento per individuare e praticare un’alimentazione preventiva e protettiva,  ma anche fortemente connessa alla nostra cultura e tradizione italiana.

Elena Dogliotti, ricercatrice della Fondazione Umberto Veronesi, spiega perché il regime alimentare rappresentato nella dieta mediterranea rappresenti la migliore soluzione per proteggere la salute dai tumori, dalle malattie cardiovascolari e neurodegenerative

Precedente Il Carnevale di Valderice: storia e programma 2019 Successivo Il bagherese Pietro Scaduto premiato in Texas per una ricerca sull’ Alzheimer.