La Siciliana: gallina ovaiola antica e “coronata”

Sicilia (non a caso un’isola) che il tempo è riuscito a conservare questa antica razza di gallina ovaiola. Nonostante le sue grandi qualità di depositrice da record, paragonabile sia all’italianissima Livornese bianca (famosa e diffusa in tutto il mondo) sia alla pluripremiata Australorp, oggi la Siciliana è ancora una razza rara che però ha davanti a sé buone prospettive di sempre maggiore diffusione, grazie alla passione di un crescente numero di allevatori avicoli attenti al suo valore.

Nella Sicilia centrale è stato da tempo avviato un grosso progetto sperimentale che prevede l’allevamento libero di questa razza avicola e si stima già una popolazione superiore al migliaio di esemplari (i ceppi puri sono molto pochi ma potrebbero essere utilizzati per migliorare la qualità della restante popolazione).

Per assurdo, a livello internazionale, sono ben più note le sue “discendenti”: la Sicilian Flower Birds (frutto dell’esportazione in Inghilterra) e la Sicilian Buttercup (frutto dell’esportazione in America), dove “flower birds of paradise” (sterlizia)  e “buttercup” (ranuncolo) evidenziano già nel nome la peculiarità più evidente di questa razza, ovvero la cresta a “corona fiorita”.

Precedente L’Italia è tra i Paesi europei più ricchi di biodiversità. Successivo Biglietti a peso d’oro, il dramma dei siciliani fuori sede.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.