L’ortica, la pianta medicinale usata dagli antichi Greci.

L’ortica era già conosciuta al tempo dei Greci per le sue proprietà diuretiche, antianemiche e antidiarroiche. Nell’antica Grecia veniva raccolta prima della primavera per avere il tempo di farla seccare e utilizzarla contro la caduta dei capelli, tipica del periodo di cambiamento di stagione e anche per rinforzare le unghie.

L’effetto pungente ed il bruciore che si avvertono dopo il contatto con le ortiche è dovuto al fatto che le sue foglie sono cosparse di sottilissimi peli contenenti una sostanza urticante chiamata istamina. A contatto con la pelle i peli si spezzano ed iniettano  l’istamina nel tessuto epiteliale del malcapitato di turno.

Ma nonostante questa caratteristica che non la rende particolarmente simpatica all’uomo può dare enormi benefici. Sia le foglie che i fusti sono ricoperti da peli ad effetto urticante che perdono questa caratteristica poco tempo dopo la loro raccolta. Le proprietà terapeutiche dell’ortica, conosciute sin dall’antichità, sono state confermate dalla scienza negli ultimi decenni.  

Contiene in media:

  • il 22% di proteine
  • l’87,65 % di acqua
  • dal 10 al 19 % di fibre alimentari
  • il 25 % circa di ceneri e carboidrati

 

Le foglie contengono selenio, ferro, sodio, cromo, rame, zolfo, calcio, zinco, silicio, magnesio, e fosforo e lvitamine contenute sono la vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, la vitamina C, J e K.

Le ortiche inoltre contengono flavonoidi come la rutina, acido caffeico, acido oleico, acido palmitico, acido ferulico e clorogenico (nei fiori secchi della pianta femmina)  acido formico e gallico, mucillagine, clorofilla, istaminatannini e carotene

I peli urticanti contengono serotonina, un neurotrasmettitore molto importante per la regolazione dell’umore, del sonno, dell’appetito e della temperatura corporea.

Insomma se avete letto l’articolo, per ora avete capito che la pianta di ortica ha moltissime proprietà:

  • decongestionante
  • depurativa
  • diuretica
  • stimolante
  • tonificante 
  • ricostituente
  • febbrifuga
  • galattogena
  • antireumatica
  • espettorante
  • anti anemica
  • antinfiammatoria
  • antispasmodica
  • depurativa per i reni

 

Una delle sue principali proprietà è quella anti anemica: infatti l’abbondanza di ferro e di clorofilla stimolano l’organismo a produrre globuli rossi rendendo così l’ortica un alimento ideale per chi presenta problemi di anemia. 

Utilizzata come infuso l’ortica ha leggere proprietà lassative , mentre  se si utilizzano le sue radici (ricche di tannini) per preparare un decotto, si ottiene l’effetto contrario che risulta utile in caso di diarrea. Come accennato all’inizio é usata anche contro la caduta dei capelli e l’eliminazione della forfora: in forma di decotto da frizionare ripetutamente sul cuoio capelluto. 

Precedente Falso allarme dirottamento ad Amsterdam. Air Europa: "Non è successo nulla, ci scusiamo". Successivo Vi sveliamo il segreto della ricetta originale dello Sfincione Palermitano.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.