Mafia, Saguto show al processo. “I miei maestri, Chinnici, Falcone e Borsellino”


“La mia carriera in magistratura nasce nel 1981. Ho avuto maestri come Rocco Chinnici, Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. Sono stata destinata a Trapani e mi sono occupata fin da subito di misure di prevenzione. Eravamo in piena guerra di mafia ed era il momento in cui si era capito che l’aggressione ai patrimoni era un’arma nella lotta alla mafia”. Così l’ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo Silvana Saguto ha iniziato il suo esame, condotto dalla difesa, nel processo in cui è imputata davanti al Tribunale di Caltanissetta per presunte irregolarità nella gestione dell’ufficio. Silvana Saguto ha riassunto la sua carriera in magistratura, dal ritorno a Palermo nel 1987 ai processi trattati.


“Un mese dopo l’inizio del processo Mattarella – ha detto – ci fu la strage di Capaci e poi l’attentato a Borsellino. Da quel momento la mia vita è cambiata, avevo una tutela blanda e mi fu assegnata la scorta. Sono una persona a rischio diversi fatti non li ho neanche denunciati”.



Precedente Lanciata una petizione online per chiedere la riapertura della riserva di Monte Cofano. Successivo Erice. Autovettura in fiamme difronte la sede dell’università.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.