Crea sito

Monte Cofano, Ú passu da zita. (Il passo della sposa)

Avete mai sentito la storia secondo cui, nelle limpide acque sottostanti e Monte Cofano fluttua il velo bianco di una sposa?

Quando ancora Monte San Giuliano, oggi Monte Erice, comprendeva nel proprio territorio comunale tutti i comuni della valle Ericina, i giovani fidanzati delle terre a valle che volevano contrarre matrimonio, dovevano recarsi in vetta per gli adempimenti burocratici al palazzo comunale.
Narra una leggenda che in una soleggiata e calma mattina di primavera, una coppia di sposi provenienti da San Vito Lo Capo stava percorrendo il sentiero che costeggiando le pendici del Monte Cofano e inerpicandosi poi per la collina della Linciasella li avrebbe condotto fino alla vetta Ericina.
La sposa, adornata di un magnifico abito bianco e di un lunghissimo velo di pizzo che la madre aveva cucito per mesi con le proprie mani , viaggiava in testa al corteo nuziale in groppa ad un asino tenuto per le briglie dal padre, dietro di lei lo sposo, i famigliari e alcuni amici.
Giunti circa a metà dello stretto sentiero che a strapiombo sul mare costeggia la montagna di Cofano, in prossimità dell’edicola di San Nicola, un serpente attraversò strisciando tra gli zoccoli dell’asilo che impaurito comincio a indietreggiare e scalciare.
Fu un attimo e la bestia perdendo l’equilibrio cadde insieme alla sposa nello strapiombo precipitando in mare.
Lo sposo non ci pensò due volte e si lanciò subito nel disperato tentativo di soccorrere la sua amata.
I due amanti sparirono insieme tra la schiuma delle onde lasciando sgomenti i presenti.
I loro corpi non furono mai ritrovati, della loro storia e del loro amore resta solo uno sbiadito e lontano ricordo tramandato per secoli dagli abitanti del luogo.
Molti passanti ancora oggi affermano di aver intravisto nelle calme giornate di primavera, tra l’azzurro intenso di quel bellissimo tratto di mare, il fluttuare di un candito velo da sposa.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: