Risotto al nero di seppia, con tartare di gambero rosso di Mazara.

Ad ogni piatto, una domanda e una risposta.
Quale scintilla migliore per far spiccare il nero di seppia se non farlo imcontrare con il Re di Mazzara del Vallo, sua maestà il gambero rosso?

http://www.custonaciweb.it/oro-rosso-di-sicilia-il-gambero-di-mazara-del-vallo/

Ingredienti 

Preparazione

Tritare finemente lo scalogno e rosolare con un filo di olio extravergine e pochissima acqua.

Pulire i gamberi togliendo la testa, il carapace ed il filamento nero all’interno.
Rosolare le teste con poco olio, e poi aggiungere acqua e dado granulare per il brodo da utilizzare per cuocere il riso.

Rosolato lo scalogno tostare il riso e poi iniziare la cottura aggiungendo il brodo con le teste dei gamberi. Aggiungere a metà cottura il nero di seppia diluito con del brodo caldo.

Preparare il crudo di gamberi rossi battuto a coltello con l’aiuto di un coppapasta e due fogli oleati di pellicola trasparente.

Preparare il crudo di gamberi rossi battuto a coltello con l’aiuto di un coppapasta e due fogli oleati di pellicola trasparente.

Impiattare il riso mantecato con pochissimo burro posizionandovi al centro il disco di crudo di gamberi rossi.

Precedente Riparte il set della serie Rai “Il cacciatore”. Siamo a Isola delle Femmine. Successivo A Palermo gridano al miracolo: è tornato il fantasma della suora al Capo.