Sgombro lardiato: profumo e gusto del mare di Sicilia.

Vi propongo un meraviglioso piatto della cucina trapanese, gli sgombri lardiati. Sgombri arrostiti sulla piastra o sulla brace e cosparsi con la salsa lardiata. Va subito detto che il lardo non c’entra niente, si tratta di un piatto di pesce che tale rimane fino alla fine. Resta il mistero di questo nome che, come al solito, ha molte spiegazioni. La più verosimile punta sulla somiglianza tra la salsa lardiata e la salsa allardiata della cucina napoletana, con gli stessi ingredienti e pezzetti di lardo e usata per condire la pasta, i mezzanielli per la precisione. La cucina siciliana e la napoletana, si sa, si assomigliano molto.
Interessante anche un altro piatto dell’entroterra trapanese, il coniglio lardiato, del quale vi darò presto la ricetta.

Ingredienti per 4 persone

4 sgombri
12 pomodorini del pendolo
½ bicchiere di olio extravergine d’oliva
2 spicchi d’aglio
3 cucchiai di aceto bianco
origano
pepe
sale

Pelate i pomodorini tuffandoli in acqua bollente per due minuti e poi tritateli grossolanamente. Pestate l’aglio nel mortaio assieme a qualche grano di sale grosso, aggiungete i pomodori e pestate ancora brevemente. Aggiungete l’olio, l’olio, l’aceto, l’origano, il pepe e il sale. Mescolate bene e riservate.

Eviscerate gli sgombri dopo avere operato un taglio longitudinale nella parte ventrale. Togliete le branchie lasciando la testa. Lasciate anche la coda. Lavate i pesci e asciugateli, poi praticate con un coltello ben affilato e a lama liscia due o tre tagli obliqui su ciascun lato dei pesci.

Arrostite i pesci sulla piastra o in graticola sulla brace cuocendoli a fuoco moderato da 5 a 7 minuti per parte a seconda della loro grandezza. Durante la cottura spennellateli con un po’ di salsa. Tradizionalmente si usa un rametto di origano ma potete usare anche un pennello da cucina. . Quando i pesci sono ben dorati da entrambi i lati, prelevateli con una spatola prestando attenzione a non romperli e trasferiteli sul piatto di portata. Irrorateli con la salsa e serviteli.

Precedente Ferdinandea: l'Isola a largo di Sciacca sprofondata nel mare nel gennaio del 1832. Successivo Un palazzo nobiliare ancora “vivo”, incastonato nel cuore di Palermo.