Terme in Sicilia: benessere e relax tra fanghi e vulcani.

Come se non bastassero spiagge, riserve naturali, reperti archeologici, testimonianze del passato e ottimo cibo, sulle estese terre della Sicilia trovano spazio anche diversi impianti termali. Luoghi che, a cominciare da tempi remoti, hanno sfruttato sorgenti minerali con specifiche proprietà curative e rigeneranti, veri e propri elisir della giovinezza. Le terme in Sicilia sono diventate quindi un perfetto corollario per chi ricerca un’immersione nel benessere, accerchiato da paesaggi naturali mediterranei e da un clima mite e salubre durante tutto l’anno.

TERME DI ACIREALE

L’imponente, autoritaria, incredibilmente suggestiva presenza dell’Etna fa da sfondo e da fucina alle terme di Acireale. Queste terme sono uno dei luoghi più rinomati e conosciuti dai siciliani che amano il benessere. Ma anche un sito particolarmente scenografico che, oltre a beneficiare del panorama del vulcano, si trova a ridosso di luoghi del mito, sulla costiera dove si dice approdò Ulisse, nei palcoscenici naturali dove Verga ambientò i Malavoglia e Luchino Visconti le storie de “la Terra Trema”. È su queste coste che si trovano i due impianti termali delle terme di Acireale. Il primo, Santa Venera, trova spazio in un edificio dell’Ottocento, inserito in un rigoglioso parco termale, dove trovano spazio incantevoli terrazze panoramiche.
Il secondo sito, Santa Caterina, risalente agli anni ’80, si trova invece nel territorio della ‘timpa’, che identifica un contesto naturale, tipico della zona, di alto valore paesaggistico. Le terme siciliane di Acireale dispongono di acque e fanghi sulfurei, utilizzati per trattamenti di malattie croniche dell’apparato muscolo-scheletrico e per problemi respiratori, molto adatte ad evitare la cronicizzazione di diverse patologie.

 

TERME DI VULCANO

Da isola ad isola, la Sicilia si fa anche custode di sette scenografiche ‘sorelle’, che rappresentano un’attrazione nell’attrazione. Le Eolie manifestano la loro natura vulcanica sotto vari aspetti. Il più appariscente e scenografico, Stromboli, regala spettacoli notturni incredibili, con sbuffi di lava che illuminano le notti sul mare. Vulcano, invece, altra isola eoliana, continua a bollire, ma sotto la superficie, dando linfa ad un’altra destinazione termale siciliana. Qui le terme sono libere, o quasi.
Ultimamente, viene chiesto un piccolo contributo, che va all’associazione che si prende cura della loro conservazione e pulizia. In queste terre, si formano pozze alla base del vulcano, con sorgenti termali ad alto contenuto sulfureo che si mescolano alle componenti del suolo. I fanghi che così si creano sono una delle attrattive principali per chi visita l’isola, un ‘souvenir’ dal valore benefico, in grado di rigenerare le cellule della pelle e proteggerle dai caldi raggi solari.

TERME DI TERMINI IMERESE

Spostandosi sul lato opposto della Sicilia, ci accolgono le terme di riferimento dell’area palermitana, tra Bagheria e Cefalù, a pochi passi dal Parco delle Madonie. Dal nome odierno della località, si può intuire la vocazione storica di questo luogo, anticamente conosciuto come Thermae Himerae. Le acque che confluiscono qui sono di natura vulcanica, quindi ricche di zolfo, minerale che si mescola alle qualità salso bromo iodiche delle acque marine. Si tratta di una composizione particolarmente adatta per la cura di patologie e problemi alle vie respiratorie così come dell’apparato digerente.
I benefici delle terme di Termini Imerese si godono grazie agli impianti dell’Hotel Grande Terme, dove ai trattamenti terapeutici si accompagnano percorsi di benessere, con punte d’eccellenza nella massoterapia e nel bagno turco. Ognuno dei ‘centri caldi’ che ospita le terme in Sicilia può diventare un punto di arrivo o di partenza di una vacanza sull’isola. Momenti rigeneranti e curativi per riprendere le forze e dare sollievo psicofisico, circondati da un altrettanto benefico ambiente naturale e culturale che non ha eguali al mondo.

BAGNI LIBERI DI SEGESTA

Le Polle del Crimiso, note anche come Bagni liberi di Segesta, oltre ad essere un luogo fortemente suggestivo, immerso nella campagna siciliana, sono strettamente legate ad un racconto della mitologia greca. Siamo nel cuore della provincia di Trapani a pochi chilometri dalle mete più interessanti della Sicilia occidentale: San Vito Lo Capo, Erice, Custonaci, la Riserva delle Saline, Mozia, Selinunte… 
Le acque del fiume Caldo raggiungono i 46/47 gradi ed affiorano in un contesto naturale stupendo tra olendri, fichi d’india, canneti e piante di ricino e soprattutto sono totalmente gratuite.

TERME ACQUA PIA

La località termale d’Acqua Pia è un luogo ricco di storia e di tradizione che riconduce le proprie origini al seducente mondo del mito. Un’antica leggenda locale, infatti, narra la vicenda di due giovani pastori della Valle del Belice, Cinzio e Corinzia, i quali erano soliti bagnarsi presso la “Fonte Sacra“, da cui sgorgavano, ininterrotte, le acque calde. Essi, un giorno, indossarono le bianche vesti e discesero lungo il pendio ricoperto di ginestre che conduceva presso la sacra fonte: celebrarono, così, un rito in onore di Venere, la quale donò loro bellezza ed immortalità, tramutando Cinzio in un fauno e Corinzia in una ninfa. A causa di questa antica leggenda, per molti secoli la fonte fu legata alla brama d’immortalità e fu chiamata “Fonte Sacra”; le popolazioni locali sfruttarono a lungo le proprietà benefiche di quelle calde acque, che sgorgavano dalla terra in mille rivoli e conferivano salute e bellezza ai bagnanti. Ancora oggi, dunque, le calde acque della sorgente scorrono continue, sgorgando purissime e benefiche; un tuffo in queste acque rappresenta idealmente un tuffo nel passato, un protendersi verso il mito e la storia, un contatto tra ciò che è e ciò che è stato, tra il bagnante di oggi e quello di ieri. Le acque, dunque, possono essere intese come un ponte di collegamento con le antiche genti che popolarono la Valle del Belice e che, per prime, scoprirono ed apprezzarono la bellezza del luogo e le qualità curative delle sue acque calde. Il centro termale Acqua Pia offre, oltre ai tradizionali trattamenti terapeutici, anche un’ampia gamma di proposte pensate per il benessere e la bellezza. Sfruttando, infatti, le proprietà uniche delle acque e dei fanghi prodotti dalla sorgente, congiuntamente all’esperienza ed all’abilità degli operatori, è nato il moderno Centro Benessere.

Precedente Pesce scaduto e conservato male. Multe a 12 tra ristoranti e pescherie di San Vito Lo Capo. Successivo Una violenta grandinata si è abbattuta nella notte su Custonaci.