Trapani, picchiato senza movente. “Chi sa parli!”, l’appello della madre.

 “Chi sa, parli!”. E’ l’appello Vincenza Adragna, la madre del giovane che è stato aggredito Sabato sera nei dintorni delle giostre. La donna ha pubblicato sui social la foto di suo figlio, pallido, disteso su un divano, con un occhio gonfio e palesemente traumatizzato.

Che cos’è successo? Pare che il ragazzo sia stato picchiato da alcuni suoi coetanei in centro, sabato sera, alle spalle di Piazzale Ilio, a Trapani, e la signora Vincenza non ci sta, e vuole i nomi di chi ha messo a rischio la vita di suo figlio: “Faccio un appello a tutti quelli che sabato sera alle ore 22 circa erano alle giostre di Trapani ed hanno visto qualcosa:  tipo malmenare e picchiare  questo ragazzo che è mio figlio. Chi sa qualcosa parli, o mi manda un messaggio su Messenger o chiami i carabinieri: affinchè questo tipo di atteggiamento non passi in silenzio. Questo ragazzo sabato sera stava perdendo la vita:  non facciamo sempre i Trapanesi omertosi e silenziosi, vi prego a nome di una mamma”. 

La signora racconta che il ragazzo era uscito da casa per un paio d’ore dopo mesi e mesi che non usciva. Non è un ragazzo che ama litigare, e lui stesso non sa cosa volevano quei ragazzi che lo hanno aggredito, pestato e lasciato per terra in strada. E’ stato tre giorni ricoverato all’ospedale Sant’Antonio Abate. 

Precedente Sicilia, il mese di Marzo lascia una scia di sangue segnata da 8 omicidi. Successivo Sutt’u picu ru suli, il Trailer del nuovo film di Fabrizio Antonioli.