Crea sito

Addio alla differenziata porta a porta? Nasce il robot che differenzia i rifiuti.

Le regioni e i comuni spendono ogni anno milioni di euro per il ciclo di raccolta e trattamento dei rifiuti. Ai cittadini il compito di smistare e selezionare meticolosamente la differenziata per evitare di incorrere in sanzioni pesantissime.  La domanda che ci poniamo è la seguente: E’ possibile aumentare la percentuale di differenziata diminuendo drasticamente il lavoro di smistamento fatto a casa dai cittadini? Di recente in Svezia è stato installato un sistema di selezione e smistamento dei rifiuti mediante l’ausilio di robot. Dei sensori analizzano il flusso dei rifiuti e inviano le informazioni al software del robot che identifica i materiali, oggetti e punti di presa. Il sistema individua simultaneamente nello stesso punto diversi tipi di materiali, riducendo la necessità di un pre-trattamento dei rifiuti con la differenziata. Ogni braccio del robot è in grado di prelevare con precisione fino a quattro diverse tipologie di rifiuti raggiungendo una precisione del 98%.


Per aumentare la velocità con cui il robot smista i rifiuti è stato sviluppato un nuovo controllo movimento che, grazie a traiettorie più efficienti, consente di aumentare le velocità di smistamento in media del 15%. Il modello ZenRobotics Heavy Picker a tre bracci è in grado di selezionare 900 pezzi in più ogni ora, raggiungendo così 6.900 prelievi nell’arco di sessanta minuti.

Di recente, un sistema ZZR è stato acquisito dalla società svedese Lundstams Atervinning per essere installato presso il centro di selezione di Östersund, nel Nord del della Svezia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: