Biscotti “reginelle”: i biscotti siciliani ricoperti di “giuggiulena”, una delizia per il palato

biscotti regina

Biscotti regina, deliziosi “cu ciminu”, quel sapore particolare che sanno conferire i semi di sesamo che, tostandosi, danno un gusto caratteristico tanto amato dai siciliani. I biscotti con “giuggiulena” piacciono tanto perché non sono troppo dolci ma croccanti al punto giusto. Vanno bene a colazione, con una tazza di tè, a merenda o, perché no, con un buon bicchiere di Marsala.

I biscotti Regina sono molto diffusi a Palermo, ma si preparano in tutta la Sicilia, con piccole differenze tra una città e l’altra. Sono una vera delizia per il palato. Uno tira l’altro. Facili da fare in casa. La ricetta è davvero semplice, ecco come prepararli.

INGREDIENTI

  • FARINA 00  500 g.
  • BURRO (OPPURE STRUTTO)  150 g
  • ZUCCHERO  150 g
  • SEMI DI SESAMO TOSTATI  150 g
  • LATTE A TEMPERATURA AMBIENTE  30 ml
  • UOVA  2 
  • VANILLINA  1 bustina (o scorza grattugiata di limone o cannella)
  • AMMONIACA PER DOLCI  5 g (o bicarbonato)
  • SALE FINO una punta

PREPARAZIONE

Tostare i semi di sesamo in padella. A parte unire la farina con lo zucchero, l’ammoniaca per dolci e una punta di sale e mescolare. Aggiungere il burro ammorbidito o lo strutto, le uova, il latte e la vanillina e amalgamare tutti gli ingredienti fino a ottenere un panetto morbido e liscio. Avvolgerlo nella pellicola trasparente e lasciare riposare in frigo per circa un’ora.

Adesso staccare dei piccoli pezzi di impasto e formare dei bastoncini per poi tagliarli in pezzetti di circa 5 centimetri di lunghezza pronti per rotolarli nei semi di sesamo. Il sesamo li deve avvolgere. direttamente nella teglia rivestita di carta forno.

Mettere in forno non ventilato a 220° per 10 minuti e dopo abbassare la temperatura a 150° e lasciar cuocere per ancora 7 minuti circa e comunque fino a buona doratura dei biscotti. Una volta pronti lasciarli raffreddare. I biscotti Regina sono pronti per essere serviti o conservati in un contenitore con coperchio!

Precedente Particolari aneddoti legati alla Porta Ossuna o Serisso di Trapani Successivo La nostra Sicilia: crocevia di conquiste e dominazioni è il più grande museo a cielo aperto