Crea sito

Il Cannolo siciliano è il dolce più conosciuto nel mondo. Storia di un mito della pasticceria italiana.

Il cannolo è una delle specialità della pasticceria italiana simbolo dell’arte dolciaria siciliana.

Se parli di Sicilia, ovunque ti trovi, hai solo una visione: il cannolo. E ti appaiono distese di prati verdi dove pecorelle al seguito di agnellini, come in un presepe vivente, brucano erba fresca e profumata che sa di sole, di mare, di Sicilia. Vedi il latte appena munto che sa di bianche scogliere spumeggianti e mani esperte che danno il via alla produzione del formaggio. E poi vedi il siero ancora riscaldato, quindi “ri-cotto” e cestini bucati che l’accolgono ancora fumante! Qui prende forma la ricotta con quella cremosità che solo la natura e la freschezza possono garantire perché il cannolo, nel suo guscio possa proteggere ed esaltare. Una cremosità che mette in moto le papille gustative e non puoi spiegare. Devi solo mordere e sciogliere in bocca per poter sentire il canto degli angeli! E’ paradiso. Questo è il cannolo e tutti lo sanno, tutti lo conoscono ed è un mito, il simbolo della pasticceria siciliana, famoso in tutto il mondo, ma difficile da replicare fuori dal suo territorio.

Inserito nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (P.A.T.) dal Ministero delle politiche agricole e forestali, il cannolo siciliano tradizionale è fatto con una cialda fritta di forma cilindrica, ripiena di ricotta di pecora.

La cialda del cannolo è croccante, mentre l’interno è spesso arricchito con canditi e gocce di cioccolato.

Il nome del dolce discenderebbe invece dalle canne di fiume attorno alle quali veniva arrotolata la pasta per dare forma alla cialda.

Le origini del cannolo sono antichissime e e narrate in tantissime leggende. Secondo la versione più veritiera il dolce sarebbe nato nella zona di Caltanissetta come evoluzione saracena di un’antica ricetta apprezzata fin dai tempi di Cicerone. La storia narra che furono le donne dell’harem del castello del signore di Kalt El Nissa (l’attuale Caltanissetta) a dare i natali alla ricetta del cannolo, ricetta poi perfezionata dai pasticceri arabi. Secondo un’altra versione, a mettere a punto la ricetta del cannolo siciliano cosi come lo conosciamo oggi sarebbero state le suore di un convento di clausura vicino Caltanissetta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: