Caponata di melanzane: sinfonia di colori e odori che si fondono nel gusto penetrante dell’agrodolce

La cucina siciliana è forse la cucina più povera al mondo, dove povero è sinonimo di semplicità
Poveri sono gli ingredienti, semplici ed economici; molte verdure ed ortaggi di produzione locale. Ma niente di più ricco esiste, dove ricchezza è sinonimo di cura, ricercatezza, attenzione, creatività che nasce soprattutto dall’incontro e dalla fusione delle differenti civiltà che si sono affacciate sulla nostra isola lasciando il segno tangibile del loro “passaggio” anche in cucina.

L’apoteosi degli odori, colori e sapori si raggiunge nella famosa caponata di melanzane dove l’uso dello zucchero e dell’aceto conferisce a questo piatto quel sapore agrodolce di derivazione araba, che lo rende unico.

Di provincia in provincia, ma anche di famiglia in famiglia, ognuno ha la sua ricetta per la caponata , ma tutte hanno un denominatore comune: l’uso dell’agrodolce, che regala alle verdure un sapore unico. È uno dei contorni più famosi della cultura culinaria nostrana. Facile da prepare.

INGREDIENTI

• 800 g di melanzane lunghe • 300 g di pomodori • 1 costa di sedano • 1 cipolla • 100 g di olive verdi snocciolate • un cucchiaio di capperi • 50 g di pinoli • 2 cucchiai di zucchero • 1/2 bicchiere di aceto rosso • basilico q.b. • olio extravergine di oliva q.b. • sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Per preparare la caponata alla siciliana pulire le melanzane e tagliarle a cubetti mettendoli in uno scolapasta coperti di sale grosso, sotto un peso per far perdere l’amarognolo che hanno. Poi sciacquare e asciugare con carta da cucina. Proseguire nella preparazione tritando il sedano e rosolandolo in padella con un filo d’olio e la cipolla affettata. A parte friggere i cubetti di melanzana fino a quando non saranno belli dorati. Prenderli con una schiumarola e tenerli da parte. Aggiungere olive, capperi e pinoli al trito di sedano e cipolla e far cuocere per 5 minuti, poi unire anche i pomodori tagliati a cubetti. Proseguire la cottura per altri 10 minuti, poi unite le melanzane cotte in precedenza, lo zucchero e l’aceto. Mescolare e far cuocere ancora per un paio di minuti. Aggiustare di sale e di pepe e portare a tavola con l’aggiunta di foglie di basilico profumato.

Sarà un tripudio. Buon appetito!

Precedente RestART: aprono in notturna i siti culturali di Palermo Successivo Iris con ricotta: uno dei dolci più golosi e più accattivanti della pasticceria siciliana