Crea sito

Il Bergamasco curato a Palermo dal Covid mantiene la promessa e si tatua la Sicilia.

“Mi sono addormentato a Bergamo, mi sono svegliato a Palermo. Ma io mica ci credevo…”. Sono le parole di Ettore Consonni, 61 anni, bergamasco in pensione, che è stato ricoverato al Civico di Palermo a causa del Covid e che in segno di riconoscenza ha intenzione di tatuarsi la Sicilia appena uscirà dall’ospedale (“sul mio corpo”, diceva).

Ettore Consonni

A Bergamo per lui non vi erano più posti disponibili, neanche nei corridoi; così lo trasferiscono in Sicilia con un como militare.

Ettore è risultato negativo a due tamponi consecutivi ed è dunque guarito dopo 23 giorni di terapia intensiva. Mostra orgoglioso le foto dei nipoti e scherza sul suo incredibile viaggio: “Mi dicevano che ero a Palermo, ma pensavo scherzassero… Qui ci sono infermieri e medici speciali, mi hanno resuscitato”.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: