Custonaci. Le strade della frazione di Purgatorio si riempiono di buffi pupazzi di “pagghia”.

C’è una piccola frazione, tra San Vito Lo Capo e Trapani, che ogni anno a carnevale porta avanti un’antica e curiosa tradizione, che mobilita per settimane tutti gli abitanti della borgata. Stiamo parlando di Purgatorio, frazione di Custonaci abitata da un circa 300 persone che ogni anno a carnevale ripropone l’antica tradizione dei “Pupi di paglia”.

Gli abitanti del quartiere, per settimane, si ritrovano insieme la sera, in un piccolo garage trasformato per l’occasione in un vero e proprio laboratorio sartoriale, dove grandi e bambini armati di vecchi vestiti, ago, filo e tanta paglia, realizzano dei buffi pupazzi di stoffa, spesso a voler raffigurare qualcuno del posto o qualche personaggio famoso: il barbiere, il barista, a volte anche la vicina di casa. Le strade di Purgatorio cominciano a riempirsi di allegri pupazzi colorati che scippano risate agli ignari passanti che da lontano li scambiano per delle persone. Il martedì prima dell’inizio della quaresima, “I PUPI RI PAGHIA” così sono chiamati, dopo il corteo funebre di Peppe Nappa vengono ammassati davanti al piazzale della chiesa e bruciati in un grande falò, Il rogo rappresenta l’inverno ormai morente, che assume le sembianze di un fantoccio di paglia e stracci, che bruciato cede il passo alla rinascita della natura e della vita stessa con l’arrivo della primavera.

Un’usanza che sembra derivare da antichissimi riti purificativi e propiziatori diffusi in epoca pre-cristiana. I Celti ad esempio, per propiziarsi le divinità, usavano accendere dei fuochi e bruciare un fantoccio rappresentante il passato, mentre i contadini in cerchio gridavano e cantavano.

A portare avanti l’antica tradizione, è l’associazione Noi di Purgatorio, che quest’anno ha indetto un contest sulla pagina Facebook Carnevale di Custonaci .

Precedente Tiziano Ferro in tour, farà tappa anche in Sicilia. Successivo La farina di Tumminia, macinata a pietra secondo le antiche tradizioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.