Dalla collaborazione tra Donnafugata e Dolce e Gabbana nasce “Rosa” il nuovo vino rosato siciliano

Antonio e Josè Rallo

Il piacere della famiglia che si riunisce a tavola e la convivialità che sopravvive anche in questo momento delicato: dalla collaborazione tra Dolce e Gabbana e Donnafugata nasce Rosa, un vino rosato dalla personalità fruttata e floreale.
Rosa, il nuovo vino rosato nato dalla vendemmia del 2019, è il frutto di un blend originale di due vitigni autoctoni tra i più importanti della tradizione dell’isola: il Nerello Mascalese e il Nocera. Connotato da una raffinata sfumatura rosa, questo vino si contraddistingue per un elegante bouquet di gelsomino, arricchito da delicati sentori di fragolina di bosco, pesca e bergamotto. Mentre il Nerello Mascalese conferisce una particolare mineralità e delicatezza floreale derivante dalla natura vulcanica e dal microclima delle pendici dell’Etna dove è prodotto, il Nocera, un’antica varietà che dopo anni di sperimentazione Donnafugata ha deciso di coltivare sulle colline di Contessa Entellina, conferisce l’accattivante componente fruttata di Rosa. Dal packaging ispirato all’iconico carretto siciliano, Rosa racchiude l’atmosfera, la tradizione e la cultura dell’isola, elementi che ricorreranno in tutti i futuri progetti frutto della collaborazione.

Precedente Le cassatelle trapanesi di ricotta: quelle fritte, buone ad ogni ora del giorno, una tira l'altra Successivo Quello di Pantelleria è il mare più bello d'Italia. Legambiente assegna all'isola le Cinque Vele