Erice: borgo medievale in cui l’arte e la cultura si intrecciano con la cucina e il mare fa da cornice

scorcio con vista su Trapani

Un sito di una bellezza indimenticabile caratterizza Erice, “u Munti” per i trapanesi. Antica città fenicia e greca, arroccata a 751 m. di altezza sul monte che porta lo stesso nome, coronato da un altopiano di forma triangolare a terrazza sul mare.

panoramica della collina di Erice

Difesa da bastioni e mura, la città è un labirinto di stradine acciottolate e di varchi così stretti da permettere il passaggio di un solo uomo.

Erice è famosa in tutto il mondo per il suo borgo incantevole, i paesaggi mozzafiato, le botteghe di artigianato tipico, con ceramiche finemente decorate, tappeti variopinti.

Le case, serrate le une alle altre, hanno graziosi e curati cortili interni, difesi e protetti dalla vista dei passanti in modo che la vita familiare si svolga nella più completa intimità.

cortiletto interno

La Cattedrale della Matrice ed il Castello sorto sul leggendario tempio di Venere le conferiscono un’atmosfera d’altri tempi.

La cattedrale
castello di Venere

La forza di questo territorio è data anche dai vini  ricavati da vitigni autoctoni quali Grillo, Inzolia, Catarratto e dai suoi prodotti tipici come l’Olio DOP Valli Trapanesi, i prodotti di tonnara, il sale marino.

Una volta che si è in questo delizioso borgo non si può non assaggiare la genovese, dolce di pasta frolla ripieno di crema e tanti altri dolci tra i quali i profumatissimi frutti di Martorana. Una delizia è la pasticceria conventuale con i suoi dolcetti “di riposto”, ripieni di conserva di cedro, cesellati a mano dalle pasticcere che si tramandano la ricetta appresa dalle suore di clausura del convento San Carlo.

 Il Centro di cultura scientifica Ettore Majorana è un’organizzazione scientifica, nota in tutto il mondo, fondata a Ginevra nel 1962 e dal 1963 a Erice in Sicilia, dal fisico Antonino Zichichi, che ne è anche il presidente. Il Centro è intitolato al fisico siciliano Ettore Majorana. La sede principale dal 1963 è nell’ex monastero di San Pietro, invece la sede dei corsi dagli anni ’70 si trova nell’ex convento di San Domenico.

Centro di cultura scientifica Ettore Majorana

Visitate ERICE e ritornerete più volte per stupirvi sempre!

Precedente “La costa dei tramonti”: tra Trapani e Palermo si possono ammirare i tramonti più belli della Sicilia Successivo Estate: melanzane in carrozza. Un antipasto chic, un secondo appetitoso o uno spuntino da pic-nic