Crea sito

La festa dell’Immacolata in Sicilia tra fede, tradizioni e gustosissimi pranzi in famiglia

Tradizione vuole che il 7 e l’8 dicembre siano due giorni da vivere in famiglia, tra succulenti pranzi, cene e immancabili giocate a carte e a tombola.
Nel palermitano il piatto tipico di questo periodo è lo “Sfinciuni”, una focaccia condita con salsa di pomodoro, cacio cavallo e acciuga. Insieme allo “Sfinciuni” troviamo i Cardi in pastella ed il Baccalà fritto con la “passolina”. In molte città è anche diffusa la tradizione delle “Muffulette”, le focaccine nel cui impasto si mettono semi di finocchio, condite con olio nuovo e origano di montagna.
Come si può facilmente intuire, sono i dolci a rendere unica e inimitabile la festa dell’otto dicembre in Sicilia. Immancabile la “Petrafennula”, un torrone a base di mandorle, miele, mandorle, bucce di arancia e di cedro. Le “Mustazzola”, tipici biscotti ericini impastati con il miele, “I cosi ri ficu”, particolari biscotti dalle forme particolari, ripieni di pasta di fichi e cosparsi di zucchero colorato. Dolce principe delle festività dell’Immacolata è il “Cuccidatu”, il buccellato, che con la sua tipica forma rappresenta simbolicamente la corona di stelle, “u stellariudella Madonna. È realizzato con pasta frolla ripiena di fichi secchi, uva passa, mandorle e scorze d’arancia.

Da sempre per i siciliani la festa dell’Immacolata Concezione è stata un momento di fede e di rinsaldamento dei legami familiari attorno alla tavola.
Nell’Isola, il culto verso la Madonna Immacolata è talmente sentito che Pio XII proclamò l’Isola “Feudo di Maria”, e lo stesso episcopato siciliano, già nel 1655 proclamò la Madonna patrona della Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!