Crea sito

Flavia Muscara crea in Sicilia il primo luppoleto del Sud Italia, per una birra 100% made in Sicily

La piantagione di luppolo di Flavia Muscara è l’unica in Sicilia, lei artista e coltivatrice che vive tra Roma e l’isola porta avanti, da 4 anni, il suo progetto nelle campagne vicino Piazza Armerina, in provincia di Enna, per rispondere a una gustosa esigenza che si sta diffondendo, numerosi infatti sono i birrifici artigianali siciliani nati negli ultimi anni.

Quattro anni fa Flavia ha deciso di tornare nei vecchi possedimenti di famiglia e di convertire una parte dei sette ettari a disposizione a luppoleto, ingrediente base per la produzione della birra. Aiutata dal “biologo del luppolo” Dario Cherubini ha messo a terra le prime trenta piantine che con il passare degli anni sono diventate circa 400 suddivise in in quattro varietà. Quella del luppolo è una pianta rampicante, appartenente alla famiglia delle Cannabaceae, che si avvinghia e si sviluppa fino a 9-10 metri di altezza.

Tutto viene fatto a mano nella piccola azienda agricola di Flavia, senza uso di diserbante o altri prodotti chimici. Il luppolo biologico, prodotto dalle circa 400 piante, suddivise in quattro varietà, viene venduto all’interno del territorio siciliano a birrifici che puntano a creare una nuova birra 100% siciliana.

La piantagione di luppolo è rara in Italia, presente solo in alcuni appezzamenti del Centro e Nord. Solitamente il luppolo è un prodotto d’importazione ed ecco che l’azienda siciliana “sfonda” nella richiesta che è tale da non riuscire a soddisfarla tutta al momento. Pertanto facciamo i nostri complimenti a Flavia che ha saputo guardare lontano con coraggio e determinazione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: