Crea sito

Governo del presidente, Mattarella convoca al quirinale l’ex presidente della Bce Mario Draghi

Dopo quattro giorni di consultazioni che non hanno portato a un accordo tra i partiti che sostenevano il governo Conte, il Presidente della Repubblica  Sergio Mattarella ha convocato per domani alle 12 al Quirinale l’ex presidente della Bce Mario Draghi, per affidargli l’incarico di “formare un Governo che faccia fronte con tempestività alle gravi emergenze non rinviabili”.

“Dal momento in cui si sciolgono le Camere – ha detto il capo dello Stato – devono passare 60 giorni, poi altri 20 giorni per insediare le nuove Camere, che poi devono formare i propri uffici di presidenza. Poi bisogna formare il governo, che deve ottenere la fiducia delle Camere e poi organizzare i propri uffici. Nel 2013 passarono 4 mesi, nel 2018 5 mesi. Si tratterebbe di tenere a lungo il Paese senza un governo in pienezza di funzioni”.

“Le elezioni – ha detto ancora Mattarella – rappresentano un esercizio di democrazia. Di fronte a questa ipotesi, ho il dovere di porre in evidenza alcune circostanze che, oggi, devono far riflettere sulla opportunità di questa soluzione. Ho il dovere di sottolineare, come il lungo periodo di campagna elettorale, e la conseguente riduzione dell’attività di governo, coinciderebbe con un momento cruciale per le sorti dell’Italia”.

“In altri Paesi in cui si è votato obbligatoriamente, perché erano scadute le legislature dei Parlamenti o i mandati dei Presidenti, – afferma Mattarella – si è verificato un grave aumento dei contagi. Questo fa riflettere, pensando alle tante vittime che purtroppo continuiamo ogni giorno, anche oggi, a registrare. Avverto, pertanto, il dovere di rivolgere un appello a tutte le forze politiche presenti in Parlamento perché conferiscano la fiducia a un Governo di alto profilo, che non debba identificarsi con alcuna formula politica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!