Crea sito

Il fascino della Riserva di Isola delle Femmine: un’oasi naturale di mare e tranquillità

Isola delle Femmine

Il nome sembra trarre origine da “Insula Fimi”, isola di Eufemio, antico governatore bizantino della Sicilia. L’isolamento geografico, che offre protezione dalle aggressioni umane, e la ricchezza di risorse alimentari costituiscono gli elementi caratterizzanti di quest’isola, consentendo l’insediamento e la rapida espansione numerica di una delle colonie di Gabbiano reale mediterraneo più importanti del Mar Tirreno.

I 15 ettari di terra che formano la piccola isola c’è anche una torre, cinquecentesca, progettata da Camillo Camilliani, figlio dell’architetto fiorentino che realizzò a Palermo la splendida fontana di Piazza Pretoria.

La Riserva Naturale Orientata Isola delle Femmine è stata istituita nel 1997 dalla Regione Siciliana e gestita dal 1998 dalla Lipu , è sita nel Comune di Isola delle Femmine, a 15 chilometri da Palermo e a 7 dall’aeroporto Falcone-Borsellino.

Habitat

Su di essa si fermano, durante il periodo delle migrazioni, specie come il Cormorano, l’Aironecenerino, il Martin pescatore, la Garzetta e svariate specie di passeriformi, alcuni dei quali anche nidificanti, come il Codirosso spazzacamino, la Cappellaccia e la Cutrettola, oltre ai rapaci delle aree circostanti quali la Poiana ed il Falco pellegrino. All’interno della riserva è presente anche la Lucertola campestre, il Biacco, il Coniglio selvatico, numerose coloratissime farfalle come l’Icaro e la Zigena insieme a diversi coleotteri. La zona di riserva marina comprende alcuni tra i fondali più interessanti che circondano l’isola, la cui principale caratteristica è data proprio dalla varietà di ambienti.

Strutture e servizi

È in via di realizzazione un percorso natura che si snoderà lungo tutta l’isola, costeggiando il perimetro. Il Centro visite dell’Oasi è localizzato in un comodo villino, nei pressi del quale è possibile il parcheggio, sul lungomare di Isola delle Femmine, prospiciente l’isola. Nel vicinissimo centro abitato di Isola vi sono ampie possibilità di pernottamento e ristorazione.

Apertura ai visitatori

La Riserva è aperta al pubblico tutto l’anno, tutti i giorni, sebbene la visita guidata sia disponibile solo su prenotazione (con orario 8, 30-13 e 14, 30-17, 30). Visite guidate per gruppi o scolaresche devono essere prenotate al Centro visite. Possibili chiusure nei mesi invernali per le condizioni del mare che non permette l’attracco sull’isola.

Come arrivare

Da Palermo, imboccare la circonvallazione in direzione Trapani, immettersi sulla autostrada A29 (Palermo-Trapani), uscire dopo circa 5 chilometri, allo svincolo di Isola delle Femmine, proseguire per il centro della cittadina e seguire le indicazioni per “Torre in terra”. Gli uffici dell’Oasi si trovano a pochi metri dalla torre.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: