Il pane più buono d’Italia è prodotto in Sicilia in un borgo abbandonato dove l’unico abitante è un giovane panettiere.

Il pane più buono d’Italia, viene prodotto da Maurizio Spinelli a Borgo Santa Rita, un piccolo paese abbandonato vicino a Caltanissetta.
Sì, avete letto bene: un paese abbandonato dove l’unico abitante è il panettiere, che tra i ruderi delle vecchie abitazioni produce circa 150 chili di pane biologico al giorno, con il quale rifornisce i rivenditori e i mercati di tutta Italia.

Il pane di Maurizio è impastato a mano e lievitato solo con il lievito madre,: niente additivi chimici, solo materie prime di ottima qualità e a km zero. Come lo si faceva più di cento anni fa, quando il piccolo paese di Santa Rita era un borgo ancora abitato dai contadini.

loading…

La storia tra il pane di Maurizio e il paese fantasma di Santa Rita inizia negli anni Sessanta, quando molti cominciarono a scegliere di emigrare. Suo papà, fu uno dei pochissimi a restare in paese continuando la sua attività di allevatore di mucche tra i prati e i paesaggi mozzafiato della campagna nissena. Le sole mucche però non bastavano a mantenere la famiglia, e per questo sua mamma comincio a fare il pane per venderlo insieme al latte e alle uova fresche. Da qui inizia la bella storia di Maurizio, oggi conosciuto in tutto il mondo per il pane fatto come si faceva una volta e la sua caparbietà nel credere e scommettere sull’unicità e sul valore dei prodotti siciliani.

Clicca qui per visitare il sito internet del forno Santa Rita

 

Precedente Testa di Moro, una storia di gelosia che insegna a non tradire una donna siciliana. Successivo La “Coffa”, un intramontabile oggetto di stile Made in Sicily.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.