Il Papa ha nominato il trapanese Don Alessandro Damiano, Arcivescovo coadiutore di Agrigento.


Papa Francesco ha nominato il vicario generale, don Alessandro Damiano, Arcivescovo coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento.

L’annuncio della nomina oggi, alle 12, presso il Palazzo Vescovile di Trapani da parte del vescovo Pietro Maria Fragnelli, alla presenza del Collegio dei Consultori e dei Vicari foranei della Diocesi. Contemporaneamente ne ha dato notizia la Sala Stampa della Santa Sede e l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro.

“Pochi giorni fa, mentre l’altalena dei media sui numeri e le conseguenze sociali della pandemia ci teneva occupati e preoccupati, una telefonata del tutto imprevista ha raggiunto il Vicario Generale e me – ha detto il vescovo di Trapani Mons. Fragnelli – il Rappresentante del Papa in Italia, il nunzio apostolico Sua Eccellenza Mons. Paul Emil Tscherrig, ci comunicava la sorprendente notizia della nomina di don Alessandro Damiano ad Arcivescovo Coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento. Momento iniziale di panico, poi lento assestamento di qualcosa che squarcia orizzonti personali e comunitari, istituzionali e sociali. Abbiamo pregato con umiltà e fiducia nella cappella dell’Episcopio. Ora siamo qui per le comunicazioni ufficiali alla Diocesi. – ha continuato – Il primo pensiero va a Papa Francesco. Lo ringraziamo vivamente perché, volendo rispondere al desiderio del Card. Francesco Montenegro che gli ha chiesto un aiuto stabile, ha rivolto la sua attenzione al clero della nostra diocesi”.

Don Alessandro, trapanese, 59 anni è vicario generale della diocesi di Trapani dal 2014. Ordinato presbitero nel 1987 dopo gli studi presso il Seminario Romano Maggiore, è stato parroco moderatore della prima esperienza di Unità pastorale in Diocesi nei primi anni ’90 . Nel 1998 è stato nominato Cancelliere della Curia Vescovile e direttore dell’Ufficio catechistico. E’ stato parroco in diverse realtà della cittadine tra cui la parrocchia di Cristo Re, nel popolare rione di San Giuliano a Casa Santa e poi anche a Santa Teresa del Gesù Bambino e Maria Ausiliatrice. Difensore del vincolo e poi Vicario giudiziale della Diocesi, attualmente ricopre anche l’incarico di giudice presso il Tribunale ecclesiastico regionale siculo.

Precedente Sarde a beccafico gratinate al forno Successivo Pasta “ch’i sardi” e finocchietto selvatico