Il Santuario di Maria SS. di Trapani, uno scrigno d’arte nel cuore della città dei due mari.

Maria SS. di Trapani

Il Santuario di “Maria SS. Annunziata”, denominato dalla devozione popolare Santuario della “Madonna di Trapani“, è il monumento più importante della città di Trapani, costruito tra il 1315 e il 1332.

All’esterno, spiccano il meraviglioso rosone, il portale gotico-normanno dei primi del ‘400, e l’imponente campanile barocco, simbolo delle continue ristrutturazioni e rifacimenti susseguitesi nei secoli . All’interno, ricostruito a un’unica navata da Giovanni Biagio Amico nel ‘700, spiccano la cappella dei Pescatori e la cappella dei Marinai, entrambe in tufo e risalenti al XVI secolo.

La cappella della Madonna di Trapani, posta dietro all’altare maggiore della basilica, risale al 1530, e si distingue per la lavorazione policroma dei marmi alle pareti e sul pavimento.

La statua in marmo della Madonna col Bambino, conosciuta dalla devozione popolare come «Madonna di Trapani», è opera di Nino Pisano del 1360. Sulla destra si apre la cappella dell’altro patrono della città di Trapani, S. Alberto, la cui statua, è opera dell’argentiere trapanese Vincenzo Bonaiuto.

Precedente Coronavirus, Dolce&Gabbana e Humanitas insieme per la ricerca. Successivo Il castello di Venere, il grandioso e misterioso monumento che "domina" la vetta di Erice.