Crea sito

Il Vino cotto, la ricetta per un sano e dolce sciroppo, ingrediente principale per la “Cuccia”

L’autunno è la stagione delle conserve. Dolci, salati, canditi o essiccati, ortaggi e frutta vengono lavorati e conservati per poterne godere anche durante la stagione invernale. Si prepara anche il vino cotto, un prodotto strettamente legato alla tradizione e alla vita di un tempo. Veniva usato come bevanda, come condimento o per correggere alcuni vini; come sciroppo per la tosse, ma soprattutto oggi viene usato per preparare molti dolci.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione3 Ore
  • Porzioni5
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Tutto quello serve è del mosto d’uva appena pigiata.
  • 5 lMosto d’uva
  • q.b.scorza d’arancia
  • 1cannella in stecca
  • q.b.chiodi di garofano

Preparazione

Ci vuole tanta pazienza perché i tempi sono lunghi. Per il resto è semplicissimo.
  1. Filtrare con un colino il mosto e metterlo in un pentolino portandolo ad ebollizione. Abbassare l’intensità della fiamma e fare cuocere per diverse ore mescolando spesso con attenzione fino a fare ridurre il mosto ad un terzo circa.

  2. Durante la cottura aggiungere al mosto qualche scorza di cannella o aromatizzare il vino con dei chiodi di garofano o delle bucce di arance essiccate al sole e poi tritate.

    Quando la soluzione si sarà addensata versarne un po’ in un piatto e controllare che il composto non goccioli.

  3. Il vino cotto è pronto. Non resta che farlo raffreddare e conservarlo in bottiglie o barattoli di vetro ben puliti e asciutti.

    Se ben tappato e se conservato al buio, il vin cotto può stare per mesi ed anche anni.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!