Il Vino cotto, la ricetta per un sano e dolce sciroppo autunnale.

L’autunno è la stagione delle conserve. Dolci, salati, canditi o essiccati, ortaggi e frutta vengono lavorati e conservati per poterne godere anche durante la stagione invernale. Per questo vi presentiamo questa ricetta che viene preparata, è vero, in molte regioni d’Italia, ma che in Sicilia ha caratteristiche decisamente diverse.

La base di questo dolce sciroppo è il mosto d’uva, ingrediente noto agli antichi Romani che, dopo averlo ereditato dalle colonie greche del sud Italia, lo diffusero anche nelle regioni del centro. In Sicilia, il vino cotto viene usato come sciroppo per la tosse, ma soprattutto è l’ingrediente di molti dolci autunnali.

Ingredienti:

  • 5 litri di mosto di vino
  • 2 cucchiai di cenere di tralci di vite
  • Scorza d’arancia essiccata

Preparazione:
Porre il mosto in una grande pentola e metterlo sul fuoco insieme alla cenere. Portare a bollore e lasciar cuocere a fuoco lentissimo fino a fare ridurre il liquido di 1/3. Spegnere il fuoco, aggiungere la buccia d’arancia essiccata, coprire con un coperchio e lasciare riposare 24 ore. Il giorno dopo, filtrarlo attraverso una garza bianca e sottile, rimetterlo sul fuoco e far ridurre nuovamente di 1/3.
Lasciare che si raffreddi del tutto e che gli eventuali residui si depositino sul fondo. Imbottigliare e conservare in un luogo asciutto. Il vino cotto così preparato può essere conservato fino a tre o quattro anni.

Precedente Crema spalmabile (dolce) al Pistacchio. RICETTA FACILE E VELOCE. Successivo Panino con la milza: lo street food palermitano che dovete assolutamente assaggiare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.