La Casina delle Palme tornata nel 2019 alla sua antica funzione: luogo della cultura e dello svago

La Casina delle Palme, conosciuta dai trapanesi come “Chalet” o “ Chalet Fiorino”, fu costruita nel 1922 da Francesco La Grassa, lo stesso ingegnere che si dedicò al palazzo delle poste. Lo chalet è un piccolo trionfo in stile liberty, come dimostrano le vetrate colorate e  le decorazioni floreali in ferro battuto, stile che si diffuse a Trapani nei primi anni del ventennio fascista. I motivi del liberty si possono infatti  trovare in altri edifici meno noti  disseminati qua e là per la città.

Chalet Fiorino a Trapani- Piazza Marina
Foto della collezione Perrera- Archivio Fundarò Trapani

La costruzione si sviluppa su due piani con un’ampia area retrostante destinata a servizio dell’attività commerciale, con copertura piana a terrazzo e tetto con spioventi e ingloba una bellissima palma che attraversando il tetto spunta e si staglia contro il cielo.

Lo “Chalet”, era utilizzato  nelle sere d’estate come caffè all’aperto, luogo d’incontro della Trapani “bene” per sorseggiare un caffè o assaporare un gelato assolvendo quindi alla funzione  di “caffè-concerto” . Infatti lo spazio all’aperto accoglieva degli spettacoli di cabaret che si svolgevano su un palco (“palchetto della musica”), costruito poco distante .

Dopo la guerra, nel 1947, la Casina delle Palme venne ristrutturata dall´ingegnere Andrea Lipari e divenne così un teatro all’aperto, furono diversi i cantanti, al tempo famosi, che si esibirono, personalità che il tempo ha ormai dimenticato.

L’edificio ricade nel quartiere Palazzo, uno dei quartieri più antichi ed importanti della città, ricco di edifici di rilevante importanza architettonica quali: la cattedrale di San Lorenzo, la chiesa del Collegio, il Palazzo Vescovile, l’ex ospedale di Sant’Antonio ed il monumento a Garibaldi.

La struttura dal 25 luglio 2019 è tornata alle sue antiche funzioni , ovvero luogo deputato allo sviluppo della cultura e dello svago, trasformandosi  in un cinema all’aperto, evento inserito nel cartellone della 71esima stagione dell’Ente Luglio Musicale Trapanese. Il progetto, è stato promosso dal Comune che ha poi affidato la parte organizzativa all’Ente Luglio e alla società Egamed guidata da Giuseppe Catania per occuparsi del cartellone cinematografico. L’amministrazione ha pensato inoltre di affidare la Casina durante le ore diurne alla Pro Loco in modo da organizzare altri eventi ed arricchire ulteriormente l’offerta del cartellone estivo.

«Crediamo fortemente nel valore culturale di un luogo suggestivo come la Casina delle Palme e per questo abbiamo lavorato affinché fosse riconsegnata alla cittadinanza per un utilizzo consono alla sua importanza – commenta il sindaco Giacomo Tranchida – Siamo certi del fatto che tornerà ad essere un luogo di ritrovo in cui la diffusione della conoscenza e lo spirito di aggregazione saranno fattori portanti».

Precedente Volare sui panorami delle Madonie: a San Mauro Castelverde nasce la prima Zip-line siciliana Successivo Uova al pomodoro: un piatto dell’infanzia, una di quelle ricette che ogni famiglia prepara a modo suo