La magia della “Porta del Sole” di Custonaci: curiosi e appassionati assistono alla prima alba dell’estate.

Si è svolta questa mattina alla “Porta del Sole” a Custonaci la festa del solstizio d’estate, l’appuntamento che dà ufficialmente il via all’estate astronomica, con quello che a tutti gli effetti è il giorno più lungo dell’anno. I curiosi e gli appassionati di archeoastronomia hanno potuto assistere al sorgere del disco solare all’interno del foro ricavato tra i grossi massi fissati nel terreno.

Porta del Sole – Custonaci

Il monumento è testimonianza della presenza in questo territorio di un’antica civiltà preistorica risalente all’età del bronzo (circa 4000 anni fa), che misurava il tempo secondo il calendario scandito dal Sole, in modo da regolare le attività di semina e raccolto, ma anche l’accoppiamento del bestiame.

Da sempre, in ogni luogo del Mediterraneo e dell’Europa, il solstizio d’estate è stato un’ occasione di festa, un momento in cui la natura fiorisce nell’opulenza dei suoi frutti tra il frinire delle solari cicale e il canto lunare dei grilli. Un momento di particolare positività e di vicinanza dell’uomo con la natura nel momento del suo pieno rigoglio.

All’evento ha partecipato il sindaco di Custonaci Giuseppe Morfino, gli assessori e il presidente del consiglio comunale Elena Angelo che hanno offerto una degustazione di prodotti tipici locali ai partecipanti. –“Siamo orgogliosi dell’interesse riscontrato verso il nostro territorio da appassionati ed esperti di archeoastronomia provenienti da ogni parte d’Italia, – afferma il Presidente del Consiglio Comunale Elena Angelo – un’esperienza quella di oggi, che ci gratifica e che ci spinge ancora con maggiore forza verso la promozione del territorio e dei suoi prodotti. Ringrazio il Dr. Scuderi e il Dr. Maurici per aver promosso l’evento, l’astrofisico Dr. Bonanno, Memmo Gambina e tutte le aziende che hanno contribuito con i loro prodotti: l’Oleificio Manfredi Barbera, La Bottarga di Tonno Group Srl di Paolo Giannusa, il caseificio Nonna Illa di Poma Dino, il Supermercato Conad Le Tre Emme S.R.L., l’Associazione “Custonaci è Turismo” e il Sign. Matteo Angelo, proprietario del terreno su cui si trova il monumento. Desidero anche ringraziare il sindaco, i consiglieri, gli assessori e tutte le persone che hanno collaborato”.

Precedente "U pisci r'ovu" col pomodoro: un piatto che, nel nome e nella forma, finge di essere quello che non è Successivo Le cassatelle trapanesi di ricotta: quelle fritte, buone ad ogni ora del giorno, una tira l'altra