Crea sito

La magia dello Stromboli, escursioni sul vulcano in compagnia di guide esperte

Lo Stromboli, alto 926 metri sul livello del mare, raggiunge una profondità compresa tra 1300 m e 2400 m al di sotto del livello del mare. Vulcano dell’omonima isola delle Eolie, è il più attivo d’ Europa con eruzioni che avvengono in media ogni dieci minuti.  Si tratta di bolle di gas che risalgono velocemente assieme a lava, lapilli e scorie incandescenti, colate che scendono lungo tutto il percorso della “Sciara del Fuoco”, o meglio la “Strada del fuoco”. Con le sue spettacolari eruzioni, attira da sempre viaggiatori in visita alle Isole Eolie da ogni parte del mondo.

Per questo motivo nasce a Stromboli il Centro Coordinamento per dare il via alle escursioni fino a quota 400 metri e favorire immediate attività di soccorso in caso di rischio. Con una ordinanza del sindaco di Lipari, le Guide Alpine e Vulcanologiche siciliane sono state autorizzate ad accompagnare i visitatori alla scoperta del vulcano e a gestire il flusso degli escursionisti.

Sono stati mesi difficili quelli trascorsi a Stromboli, prima a causa dell’eruzione dell’estate 2019 e poi per via della pandemia, ora però è tempo di guardare al futuro con fiducia. “Sono molto soddisfatto per la riapertura, seppure parziale, delle escursioni sul vulcano Stromboli, – afferma il presidente del Centro di Coordinamento Cesare Bianchi. Per le nostre guide alpine e vulcanologiche è una boccata d’ossigeno dopo due stagioni estive in cui non abbiamo potuto lavorare a causa della chiusura conseguente agli eventi vulcanici del luglio e dell’agosto 2019. Il Collegio Regionale Guide Alpine e Vulcanologiche della Sicilia si schiera al fianco del Sindaco di Lipari facendosi garante del pieno rispetto delle indicazioni contenute nell’Ordinanza e conferma tutti gli impegni già presi nella Regolamentazione per l’accompagnamento nell’area sommitale e nelle aree attive del vulcano Stromboli” con particolare riferimento alla gestione del Centro Coordinamento Escursioni, alla realizzazione della rete di comunicazione radio con copertura totale di Stromboli e alla collaborazione al fine di realizzare la rete di soccorso”.

Gli escursionisti, potranno al momento superare la quota di 290 metri solo se da loro accompagnati sul tratto dei sentieri di “Punta Labronzo” e nel versante di Ginostra sul sentiero di Punta Corvi a partire da quota 130 e sino a quota 400 metri s.l.m, con un massimo di 20 persone, dalle ore 11 alle ore 24.

“L’ordinanza è sicuramente un buon punto di partenza soprattutto per la programmazione del 2021, ma servono immediati interventi per risistemare i sentieri, per creare piazzole per l’osservazione dell’attività e, soprattutto, è urgente una corretta informazione per i visitatori. – ribadisce Mario Pruiti, Delegato delle Guide Alpine e Vulcanologiche a Stromboli – Noi lavoriamo con il 90% di turismo straniero, se manca una segnaletica chiara e precisa, rischiamo di vedere escursionisti sulla zona sommitale ignari del pericolo. La pandemia non ha aiutato e ha di fatto fermato i lavori della Forestale; adesso, dobbiamo fare tesoro degli insegnamenti passati e ricordarci che siamo di fronte a un vulcano esplosivo e il pericolo maggiore, in questi casi, sono gli incendi che si generano”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!