La palma nana, un’antica materia prima siciliana. Ce ne parla Renato Bica.

La Palma Nana, nel trapanese più nota come “giummarra”, é una pianta della famiglia di Arecaceae, unica specie del genere Chamaerops.

Una specie molto comune nella zona Mediterranea, riconosciuta unica Palma spontanea d’Europa. Può Raggiungere I 2-3 Metri D’altezza.
Se vi doveste trovare nel trapanese, vi capiterebbe certamente di vedere diversi prodotti dell’artigianato locale frutto di un sapiente intreccio manuale fatto proprio con le foglie della “giummarra”.
… come “le cosiddette coffe (borse), i scupazzi(scope impiegate per il forno a legna), le corde(prevalentemente impiegate per stendere i panni ed in passato impiegate anche per riempire i fondi delle sedie)”, mentre un tempo si trovavano anche “zerbini (tappetini ovali) e zimmili (grandi tasche, solitamente due, sistemate sui muli che servivano per il trasporto di merce)”.
Di tutto questo ce ne parla Renato Bica in questo video:

loading…
Precedente Il cous cous trapanese protagonista di una puntata di Masterchef. VIDEO Successivo La storia di San Vito Lo Capo e la “pietrificante” leggenda di Santa Crescenzia.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.