Crea sito

Le cassatelle trapanesi di ricotta: quelle fritte, buone ad ogni ora del giorno, una tira l’altra

Le cassatelle, in dialetto “cassateddri”, sono i dolci che arricchiscono la pasticceria del trapanese. Nate come dolce di Pasqua e di Carnevale, originari della cittadina di Calatafimi, si diffusero ben presto in tutta la provincia di Trapani e non solo. È una produzione tipica siciliana e per questo è stata inserita tra i prodotti agroalimentari tradizionali con l’attribuzione del P.A.T.

La ricetta di questo dolce si è sempre tramandata e appartiene ai ricordi di ogni famiglia; non c’è famiglia che non le prepari con aggiunta di questo o altro aroma, ma tutte rigorosamente con ricotta fresca di pecora. Facili da realizzare sono un vanto della nostra gastronomia.

Le Cassatelle Siciliane sono uno dei dolci più famosi e amati dell’isola. Si tratta di ravioli fritti, con un goloso ripieno a base di crema di ricotta e gocce di cioccolato.

Ingredienti per 6/8 persone

  • 500 g di farina grano duro
  • 100 g di strutto (mezzo bicchiere di olio di oliva)
  • vino bianco o marsala (mezzo bicchiere)
  • 100 g di zucchero (per l’impasto)
  • la scorza grattugiata e di un limone
  • 1 bustina di vanillina
  • zucchero a velo
  • olio di semi ( per friggere)
  • 500 g di ricotta fresca
  • 50 g di cioccolato fondente
  • 200 g di zucchero (per la crema)
  • cannella q.b.

Preparazione

In una ciotola mettere la farina setacciata, lo zucchero e la scorza di limone grattugiata.
Mescolare e aggiungere lo strutto (o l’olio d’oliva) e il vino (o marsala).
Cominciare a lavorare con le mani e aggiungere, se necessario, pochissima acqua, fino ad ottenere un composto ben liscio. Avvolgerlo nella pellicola trasparente e metterlo a riposare.

Adesso preparare il ripieno mescolando la ricotta ben asciutta con lo zucchero, un  po’ di cannella e qualche goccia di cioccolato.

Riprendere l’impasto e lavorarlo con la macchina per la pasta fresca.

Ottenute delle sfoglie sottili adagiarvi una cucchiaiata di ricotta, a distanza una dall’altra, per creare tanti ravioli a mezzaluna. Dopo aver agevolato l’uscita dell’aria, pressare con le dita dove i due lembi di sfoglia vanno a chiudersi, per impedire l’uscita della ricotta. Tagliare con la rotellina dentellata o chiuderli pressando con i rebbi di una forchettina, in modo da rifinire il bordo.

Passare quindi alla frittura delle cassatelle, in abbondante olio caldo, che dovranno risultare ben dorate.

Scolarle bene e adagiarle su della carta assorbente, quindi spolverarle con abbondante zucchero a velo.

Per gustarle al meglio, servitele tiepide, sono una vera delizia!

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: