Crea sito

Micaela e Carlo, innamorati della Sicilia, diventano influencer per raccontarla su “Siciliaatuttotondo”

di Angela Badalucco

Vogliamo raccontarvi di una chiacchierata  telefonica che si è tramutata in un incontro. Una bellissima conoscenza che ci ha scaldato il cuore. Micaela e Carlo o Carlo e Micaela, inscindibili nella loro solarità, un tutt’uno nella loro profonda semplicità. Due ragazzi, due innamorati e, vi assicuro che, via cavo, emanavano amore, passione, entusiasmo, positività a 360 gradi. Ci siamo “incontrati” per caso in quel mondo spesso demonizzato che è facebook, ma che offre delle opportunità meravigliose. Ci siamo sentiti per telefono per farci raccontare le loro esperienze, per conoscere i loro progetti, i loro sogni e farli conoscere attraverso questo strumento.

Carlo e Micaela di Siciliaatuttotondo ad Agrigento. Ante lockdown

E’ diventata una chiacchierata tra amici, mi vedevo nel soggiorno di casa loro, con un caffè e tanta simpatia. Sono stati meravigliosi! Un fiume in piena, sorrisi e battute, un passarsi il testimone durante il racconto e poi la galanteria e l’orgoglio di Carlo nel dire:- “Lei è la mente, io solo il braccio”.

Anche noi nel raccontarlo ci facciamo prendere dalla loro euforia, dalla loro effervescenza, andiamo a spanne, senza ordine, perché ci hanno parlato di mille cose e tutte importanti, tante esperienze, tutte diverse, tanto impegno umano e sociale, ma anche tanta gioia e tanto divertimento, tanta leggerezza e tanta generosità! Cominciamo a mettere ordine: Carlo e Micaela vivono a Villafrati, un piccolo comune in provincia di Palermo. Sposi il prossimo giugno, dopo aver annullato la data, già fissata l’anno scorso, per lockdown.

“Durante il lockdown, – racconta Micaela – visto che non potevamo viaggiare abbiamo creato un gruppo per consentire alle persone di pubblicare foto, una vetrina per farsi conoscere, uno spazio per quegli esercenti che erano diventati invisibili, una mano tesa a chi stava soffrendo, isolata, ma anche una compagnia per sentirsi vivi”. Il gruppo era diventato interessante perciò, quando si è allentata la morsa del lockdown, Carlo e Micaela, a fine Maggio, hanno aperto la pagina “Siciliaatuttotondo” che la dice lunga, nella scelta del nome, sulle prospettive e progetti che hanno messo in campo. Viaggiare, realizzare video e farli conoscere. Pubblicizzare e promuovere la Sicilia, divertendosi.

Quindi nella loro pagina si passa dai video che raccontano il territorio a quelli che presentano le attività, i laboratori, il cibo, a quelli ancora che fanno emergere i giovani con le loro passioni e tanto e di più, tutte idee della vulcanica Micaela che trova la spalla indispensabile nell’allegria, gioiosità e ironia del suo Carlo. La pagina è molto seguita e tanti sono ancora i progetti in fieri.

La loro indole e la loro generosità, interloquendo con i followers durante le dirette, sia su facebook che su instagram, come ci racconta Carlo, adesso sui video da casa, (dato che il lockdown è tornato più “forte di pria”) spesso si è tramutata in momenti di condivisione, di solidarietà, anche di raccolte per associazioni, nella massima trasparenza e con mezzi e strumenti semplici, di collaborazione reciproca.

La cosa che ci ha stupito di più e positivamente è apprendere che Micaela è torinese, di nascita e di famiglia. Innamorata persa della Sicilia, in particolare di Palermo (dovreste sentire l’accento, è più “palemmitana” di Carlo). Laureata in giurisprudenza, studi sulla mafia, in particolare sui nostri grandi Falcone e Borsellino, ambiva, e speriamo possa continuare, a fare il giudice anti mafia. Si era trasferita a Palermo dove ha conosciuto lui. E Carlo gongola mentre lo racconta. Si chiamano amore tra loro ed è tutto naturale. Ci sembra di vederli. Faccio fatica a raccontare le cose perché sono rimasta affascinata dalle persone. E sono le persone che fanno le cose.

Carlo e Micaela

Chiediamo a Micaela:- Cosa ti è piaciuto di più della Sicilia? Una domanda abbastanza generica, scontata e ti aspetti una risposta scontata tipo – “la storia, i monumenti, i cannoli”… No.  Lei ti risponde:- “Il cielo”- come se a Torino avessero spento il cielo – “è di un blu che non avevo mai visto.- continua. E poi atterri in mare”! Bellissimo. Si, Micaela non atterra a Punta Raisi ma “ammara” in Sicilia.  E consacra Palermo come la città più bella del mondo!

Ultima chicca: entrambi sono innamorati del territorio della provincia di Trapani e il loro viaggio di nozze sarà … alle Canarie di casa nostra: Lampedusa. Davvero sono dei  ragazzi speciali, una luce in questi giorni di buio. Auguriamo a Carlo e Micaela di non spegnersi mai, di accendere le batterie di riserva che sono in loro e nei momenti di crisi tirare fuori il coniglietto dal cilindro e reinventarsi, come sanno fare alla grande.

Rispondi

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: