Niente quarantena e niente App obbligatoria. La Sicilia riapre ai turisti senza limitazioni.

La Sicilia ha riaperto, senza alcuna limitazione “i confini” consentendo a visitatori e turisti di godere del suo splendido mare e del suo territorio ricco di storia e di tesori culturali. Il turista che viene da “oltremare” può facoltativamente scaricare l’App Siciliasicura.


Il presidente della Regione Nello Musumeci ha scelto un collaboratore d’eccezione, Guido Bertolaso che, fatte passare le critiche per il suo arrivo in Sicilia senza sottoporsi a quarantena (Claudio Fava: «Per gli amici le leggi si interpretano») ha messo a punto un protocollo di sicurezza per turisti e operatori di settore per affrontare la nuova fase dell’emergenza Covid, che lui stesso definisce “fase 2 e mezzo”.

Già lo scorso fine settimana c’è stato un boom di visitatori siciliani in musei e parchi archeologici anche grazie alla gratuità degli ingressi fino al 7 giugno, previa registrazione su Youline.

“Non c’è motivo di rendere l’app Siciliasicura obbligatoria – aveva spiegato qualche giorno fa il presidente Musumeci intervistato a “Un Giorno da Pecora”, su Rai Radio1,– Sono convinto che il turista per primo avrà il bisogno di sentirsi accompagnato nella sua vacanza”.

“Non ci saranno limitazioni negli ingressi”, ma “soltanto i controlli col termoscanner” agli arrivi a scali e stazioni. “Per entrare in Sicilia – ha spiegato Musumeci – basterà un documento. Se il turista vuole sentirsi accompagnato durante la sua presenza, per sé o col pediatra per il figlio, può benissimo farlo perché in ognuna delle nove province della Sicilia stiamo istituendo l’Unità sanitaria turistica: un sistema di contatto immediato per chi dovesse avere bisogno, per qualunque ragione, di assistenza sanitaria al di là di quella ordinariamente offerta”.

“Io sono preoccupato – ha osservato – per la nostra economia che purtroppo rischia di andare al collasso. Abbiamo il dovere di rimettere in moto il turismo in una regione che il New York Times dice essere una delle sette mete preferite al mondo per chi viaggia”.

Precedente Brioche con gelato: un simbolo dell’estate siciliana. Soffice e bianca all’interno, ripiena da far paura Successivo Trapani, ecco come si presenta la via Fardella dopo un po’ di vento.