Oloturia di mare, razza a rischio, amata dagli chef nel mondo.

Oloturia di mare, conosciuta anche come “cetriolo di mare”, o dalle nostre parti più volgarmente chiamata “minchia Marina” é un animale in pericolo, ne esistono 377 specie e ad oggi 16 sono considerate a rischio di estinzione dalla Lista rossa dell’Iucn. Nei nostri mari ci sono anche se preferiscono gli oceani, in Oriente sono un ingrediente molto ricercato e costoso. E se continuiamo così sarà sempre più raro.

In Italia, tuttavia, la sua pesca è vietata al fine di tutelare appunto la biodiversità e l’ecosistema.

Tra le ricette con il cetriolo di mare fresco ci sono zuppe di pesce, stufati e sughi. Ciononostante, molto diffuso è l’impiego del cetriolo di mare essiccato e fatto poi rinvenire in acqua prima dell’utilizzo. Meno frequentemente lo si cucina fritto.

Precedente “Sua Altezza Monte Cofano”, storie e leggende della Riserva Naturale. Successivo Area Marina Protetta di Monte Cofano: benefici per i pescatori e il settore turistico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.