“Pupi cu l’ova”: i dolci della tradizione pasquale siciliana simbolo della rinascita.

I “Pupi cu l’ova” siciliani sono dei dolci pasquali, considerati oggi delle vere e proprie opere d’arte della pasticceria tradizionale.

Si tratta di pani o paste dolci di diversa grandezza e dalle forme svariate, sopra ed entro le quali vengono racchiuse delle uova sode. In passato questo dolce veniva regalati ai più piccoli e ad ognuno di loro veniva associata una forma diversa: la “Pupa”, ovvero la bambola, era destinata alle femminucce, “U Jadduzzu”, il gallo, era offerto ai maschietti, mentre quello a forma di cuore, era destinato ai più grandi, ed era il regalo pasquale preferito degli innamorati.

I “Pupi cu l’ova” sono strettamente legati al simbolismo pasquale per via dell’uso delle uova, elemento simbolo di rinascita della natura che con l’avvento del cristianesimo assume anche il significato di resurrezione e di speranza, motivo per cui le uova sono si trovano in molte preparazioni pasquali e non solo siciliane.

Questo dolce assume nomi diversi a seconda della località in cui viene preparato. Per esempio a Trapani è conosciuto come“campanaru” o “cannatuni”, a Palermo è chiamato “pupu ccù l’ovu”, nel nisseno “cannileri”, ad Agrigento lo si conosce come “panaredda”, “cuddura cull’ovu” a Siracusa, e “palummedda” a Catania.

Nel tempo, rispetto alla classica decorazione tradizionale con semi di sesamo e papavero, al dolce si sono aggiunti nuovi elementi decorativi, come la glassa di zucchero, albume e limone (marmurata, vilata, allustrata o jelu, a seconda delle sfumature del dialetto locale), un tempo veniva stesa con una penna di gallina.

Le uova che inserite sono sode, e possono essere colorate di rosso, colore per tradizione attribuito alla fertilità. La colorazione delle uova è ottenuta mettendole a bollire insieme alla radice di Muggia.

Ricetta

  • 1 kg di farina 00
  • 4 uova intere ( per l’impasto)
  • 400 gr di zucchero
  • 250 gr di strutto
  • 1 bustina di lievito
  • Essenza di vaniglia
  • 100ml di latte
  • Sale qb
  • Acqua qb
  • Zucchero colorato (per decorare)
  • Uova sode ( per decorare)
  • 1 uovo sbattuto per spennellare



Impastate gli ingredienti disponendo la farina fontana, fino a raggiungere la consistenza della pasta del pane, e lasciate riposare 2 ore. Formate la figura che volete e nel centro inserite l’uovo sodo. Spennellate la forma con un uovo sbattuto e decorate con lo zucchero colorato.

Infornate a 170° per circa mezzora.

Precedente Coronavirus. Una Settimana Santa in famiglia. Il sussidio della diocesi di Trapani per aiutarti. Successivo Chi di voi non ha mai succhiato un "Calacitu" giallo?