Crea sito

Salvatore, il giovane siciliano rientrato dal nord per puntare tutto sull’agricoltura biologica

Oggi vi proponiamo la storia di Salvatore Lombardo, giovane siciliano laureato in agraria, che stanco di lavorare al nord, decide di ritornare in Sicilia per dedicarsi alla coltivazione di prodotti biologici. Conosciamo la sua storia attraverso il suo racconto tratto dal sito internet di Coldiretti.

“Ho sempre lavorato, ma in ufficio. Avevo bisogno di sentire il profumo della mia terra, il profumo del nostro mare… La mia storia inizia al nord, dove mi trovavo e dove il freddo e la nebbia mi rendevano triste. Ho deciso di prendere il primo aereo e tornare a casa mia. Quando sono arrivato, ho capito che dovevo rimanere qui e prendere le redini della mia azienda familiare. Avevo in mano una Laurea in Agraria e tutte le conoscenze per poterle applicare nei nostri terreni … I miei genitori avevano acquistato un’estensione di 16 ettari coltivati a vigneto, oliveto, ortaggi, seminativo ed agrumeto, a Menfi, nell’agrigentino. Oggi, insieme a loro e a mio fratello Antonino, conduco una fattoria multifunzionale dove ho messo a frutto tutte le mie esperienze passate, tra studi approfonditi e pratica in altre aziende. Si parte dal presupposto che La Terra è Vita, un essere vivente e come tale va trattata e quindi rispettata.

Nel 2008 Fattoria Lombardo si certifica Bio e dal 2009 abbiamo cominciato – prosegue nella sua esposizione – a produrre agricoltura biologica, quindi, ortaggi in pieno campo e ad adottare dei sistemi di vendita alternativi con e-commerce. Il mio obiettivo, sin dall’inizio, è stato quello di puntare all’informazione e alla didattica. Abbiamo iniziato, da qualche anno, una collaborazione con una delle cantine più importanti del territorio, una delle società cooperative più attive d’Europa che si trova a Menfi, con delle vere e proprie giornate a tema e progetti di animazione del territorio”.

“La nostra azienda di agricoltura biologica è dotata di una corte interna di circa 300 mq, dove si può svolgere qualsiasi tipo di attività. Viene di solito utilizzata come spazio comune per consumare i pranzi o le cene e soprattutto nei periodi estivi, organizzata con ombrelloni ed utilizzata come luogo di relax. E’ bello vedere l’entusiasmo di giovani alunni delle scuole elementari, medie e superiori che, spesso, ci vengono a trovare, trascorrendo la giornata in fattoria e stando a contatto con la natura, con gli animali, apprendendo le varie tecniche di coltivazione che adottiamo”.

E’ una soddisfazione – continua Salvatore – ospitare personalità importanti, provenienti da più parti del mondo e vederli apprezzare la nostra cucina. Tutto ciò, grazie alla collaborazione con questa cantina, appunto, che si appoggia alla nostra struttura per ospitare clienti, buyer, e manifestazioni varie. L’attività è rivolta a gruppi di persone che realmente vogliono apprendere le diverse tecniche di cucina tradizionale casereccia nonché impasti di pane e pasta, mediante l’utilizzo di materie prime stagionali biologiche e i nostri grani antichi siciliani.

I laboratori sono rivolti a gruppi di persone, da un minimo di 4 ad un massimo di 20. In fattoria è possibile, oltre alla visita dell’Orto Biologico, gustare ed assaporare quello che si produce. Per gruppi di persone e a prenotazione, si organizzano aperitivi, pranzi o cene preparate con prodotti stagionali coltivati in fattoria. Tra i vari eventi che abbiamo organizzato, c’è l’orienteering de gusto, un percorso di 4 km da percorrere a piedi, a cavallo o in bici, lungo il quale vengono degustate le eccellenze del territorio e soprattutto locali e (quasi) a km 0. La mia attività è una sfida continua. Ogni tanto mi chiedo se la scelta che ho fatto sia quella giusta. Non ho dubbi. Dopo i premi, le soddisfazioni giornaliere, mi sento un leone e credo che la nostra terra sia di un valore inestimabile”.- così finisce il suo racconto Salvatore Lombardo.

Il recupero dei grani antichi, il tipo di alimentazione degli animali, la produzione di ortaggi tipici sono i capisaldi di questa fattoria. Se trascorri qualche ora con Salvatore ti accorgi di quanto sia importante per lui il contatto con la sua terra. Salvatore ha dei progetti, sa guardare al futuro, andando oltre. Con le sue competenze, i suoi studi e le sue radici, che sono tradizione e famiglia, ha saputo trasformare un buon terreno agricolo in un luogo vivo, sano dove la natura sprigiona la sua energia, incontra la vita e viceversa.

Rispondi

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: