Salvatore Quasimodo: il poeta siciliano che nel 1959 ricevette il premio Nobel per la letteratura.

Salvatore Quasimodo

Il Premio Nobel per la Letteratura Salvatore Quasimodo è nato a Modica il 20 agosto del 1901. Era il secondogenito di Gaetano Quasimodo e Clotilde Ragusa.

Fu battezzato l’11 settembre 1901 a Roccalumera cittadina del messinese e luogo di origine della famiglia paterna. È lì, che un anno dopo insieme alla madre e ai fratelli, trovò rifugio dall’alluvione che, nella notte tra il 25 e il 26 settembre del 1902, aveva colpito la città di Modica.

Il peregrinare della famiglia Quasimodo era incessante: seguivano, infatti, i frequenti spostamenti del padre che, come ferroviere, veniva trasferito da una stazione all’altra.
I Quasimodo si stabilirono, così, nella già citata Roccalumera, a Gela, ad Acquaviva e Trabia.

Dopo il devastante terremoto che colpì Messina il 28 dicembre 1908, i primi di gennaio del 1909 il padre ebbe l’incarico di riorganizzare la stazione ferroviaria della città dello Stretto e la famiglia lo seguì vivendo, i primi tempi, in un carro merci ferroviario, in quanto la città era stata quasi del tutto rasa al suolo.

A Messina nel 1919 Salvatore si diplomò all’Istituto Tecnico Matematico-fisico A.M. Jaci. Durante gli anni degli studi aveva conosciuto Salvatore Pugliatti e Giorgio La Pira, con i quali mantenne viva l’amicizia per tutta la vita.

Conseguito il diploma, lasciò la Sicilia alla volta di Roma dove si era iscritto all’Università, ma le precarie condizioni economiche gli impedirono di continuare gli studi con serietà.
Per poter vivere, accettò di fare i lavori più disparati, come il commesso in un negozio di ferramenta o l’impiegato alla Rinascentedalla quale venne licenziato per aver organizzato uno sciopero il giorno prima dell’entrata in vigore della legge fascista che li vietava.

Nel 1926 si trasferì a Reggio Calabria dove era stato nominato «geometra straordinario» del Genio civile. Quell’anno sposò Bice Donetti con la quale aveva vissuto more uxorio fin dagli anni romani.

Nel 1929, su invito del cognato Elio Vittorini(che aveva sposato Rosa Quasimodo), andò a Firenze dove entrò in contatto con l’ambiente letterario e vi conobbe Eugenio Montale.

Il 1930 vide la pubblicazione del suo primo volume di poesie: Acqua e terre. Seguì nel 1932 Oboe sommerso. Nel 1936 Erato e Apollion. Nel 1942 Ed è subito sera che ottenne un immediato successo di vendite. Nel 1947 Giorno dopo giorno. Nel 1949 è La vita non è sogno. Nel 1956 Il falso e vero verde. Nel 1958 La terra impareggiabile e nel 1966 Dare e avere suo ultimo volume di poesie.

Nel 1931 venne trasferito al Genio civile di Imperia, dove conobbe Amelia Spezialetti dalla quale, nel 1935, ebbe la figlia Orietta.

Nel 1932 vinse il premio dell’Antico Fattore a Firenze.

Nel 1934 venne trasferito al Genio civile di Milano, ma fu presto distaccato in Valtellina a causa di contrasti con il suo dirigente.

Nel 1936 conobbe la danzatrice Maria Clementina Cumani destinata, nel 1948, a diventare la seconda moglie (morta la Donetti nel 1946). Dalla relazione con la Cumani, nel 1939, nacque il figlio Alessandro.

Dopo 12 anni di servizio, nel 1938 lasciò il Genio civile e iniziò, grazie all’interessamento di Cesare Zavattini, a collaborare con il mondo editoriale.

Nel 1940 pubblicò la traduzione dei Lirici greci che ebbe immediata fortuna.

L’anno successivo ottenne “per chiara fama” la cattedra di Letteratura italiana presso il Conservatorio di musica G. Verdi di Milano. Mantenne l’insegnamento fino all’ultimo giorno di vita.

Nel 1945 uscirono le traduzioni de Il Vangelo secondo Giovanni; di una scelta dei Canti di Catullo e di passi dell’Odissea.

Nel 1953 vinse, ex aequo con Dylan Thomas, il premio Etna-Taormina.

Nel 1958 vinse il Premio Viareggio. Durante un viaggio in U.R.S.S. venne colpito da infarto. Poté tornare in Italia solo nella primavera del 1959.

Nel 1959 gli venne assegnato il Premio Nobel per la Letteratura che ritirò a Stoccolma il 10 dicembre.

L’anno seguente ebbe dall’Università di Messina la laurea honoris causa.

Nel 1965 fu colpito da un’ischemia cardiaca.

L’anno successivo ricevette la laurea honoris causa dall’Università di Oxford.

Il 14 giugno 1968 Salvatore Quasimodo fu colto da emorragia cerebrale ad Amalfi. Morì a Napoli dove era stato trasportato nel vano tentativo di salvargli la vita.
Le esequie si svolsero a Milano e fu sepolto al Famedio del Cimitero Monumentale.

Oggi Museo Casa Natale Salvatore Quasimodo di Modica è il luogo della memoria per eccellenza: è il luogo in cui si può riuscire a cogliere l’essenza della storia che vi si racconta e dell’arte che vi si manifesta attraverso il ricordo e la riflessione.

Il museo è ospitato presso la casa dove Salvatore Quasimodo. Nei due ambienti principali, lo studio e la camera da letto, sono custoditi mobili e oggetti appartenuti al grande letterato e si ha l’occasione di ammirare fotografie autografate; edizioni speciali delle opere di Salvatore Quasimodo; cimeli appartenuti al poeta; testimonianza della grandezza delle sue opere.

Accanto alla camera da letto si trova la sala di lettura arredata con comode poltrone dove poter leggere e consultare le opere di Quasimodo.

Vicino all’ingresso è allestita una sala multimediale dove si possono vedere alcuni video, tra cui quello riguardante la cerimonia della consegna del Premio Nobel a Stoccolma.

Precedente L’Etna invia un messaggio di speranza ai Siciliani, dal cratere è uscita una nuvola a forma di cuore. Successivo “Lasagne cacate” con ragù e ricotta di pecora, un piatto ricco, prelibato, della cucina siciliana.